Ecologia

Sementi open source per un'agricoltura più sostenibile ed etica

Anche i semi possono essere open source, proprio come i software: senza i "diritti di sfruttamento" potrebbero rendere l'agricoltura accessibile, oltre che sostenibile dal punto di vista ambientale.

I non addetti ai lavori probabilmente non lo sanno, ma la quasi totalità delle sementi comunemente utilizzate in agricoltura è protetta da uno o più brevetti. A detenerne i diritti è un manipolo di multinazionali della chimica come Monsanto (gruppo Bayer), Corteva (gruppo DuPont), ChemChina (gruppo Syngenta) che negli anni hanno messo a punto semi più resistenti alle malattie, con una produttività più elevata o in grado di prosperare anche in condizioni climatiche non proprio ideali. 

Queste sementi sono, da un certo punto di vista, equiparabili ai sistemi operativi dei computer e degli smartphone, controllati da 2 o 3 grandi aziende come Apple, Microsoft e Google. Quello dei semi è un business colossale che su scala globale vale più di 60 miliardi di dollari.

La maggior parte degli agricoltori dunque, non ha la proprietà dei semi che pianta, ma solo i diritti di utilizzo. In pratica è come se le sementi venissero noleggiate. 

Finanza agricola. Dal punto di vista pratico questa situazione crea più di qualche problema: i colossi dell'agricoltura sono aziende che hanno per obiettivo la massimizzazione del profitto più che temi sociali come la biodiversità, la lotta alla fame o la tutela dei piccoli agricoltori.

Per questo motivo a partire dal 2012 un team di esperti in bioingegneria e in agricoltura sostenibile ha creato l'OSSI - Open Source Seed Initiative, che ha come obiettivo quello di mettere a punto delle sementi alternative a quelle dei grandi gruppi, liberamente accessibili e di alta qualità. All'iniziativa hanno aderito oltre 50 produttori statunitensi di sementi, che si sono specializzati nella selezione di varietà vegetali in grado di prosperare nelle condizioni climatiche e ambientali specifiche delle varie zone del paese. Il loro lavoro viene tutelato legalmente dall'organizzazione, così da evitare inopportune appropriazioni da parte di soggetti privati.

Ma open source non significa "gratis": i produttori di sementi vengono remunerati vendendo i loro semi agli agricoltori, che però in questo caso acquisiscono il diritto di utilizzare semi e derivati come meglio credono. Anche, eventualmente, di migliorarli con altre selezioni e altri incroci. Proprio come accade con il software open source.

Per fare il seme, ci vuole il frutto. Già… perché a differenza dei semi prodotti dai grandi gruppi industriali, che in molti casi danno vita a frutti sterili così da obbligare gli agricoltori a riacquistare le sementi ogni anno, i semi open source sono fertili.

Una parte del raccolto può quindi essere messa da parte e utilizzata per la semina dell'anno successivo, proprio come facevano i nostri nonni.

Le sementi open source sembrano insomma destinate a dare un contributo alla biodiversità e all'agricoltura sostenibile: ecco perché in tutti i continenti stanno nascendo diverse organizzazioni no-profit che hanno come obiettivo quello di sviluppare e diffondere semi non brevettati e di altissima qualità.

6 marzo 2023 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us