Ecologia

Se l'umido diventasse carburante a Roma alimenterebbe un quarto dei bus

il dato contenuto nell'Annual Report di Althesys

Roma, 25 ott. - (AdnKronos) - Con il contenuto del secchio dell'umido prodotto nelle case dei cittadini romani, si potrebbe far viaggiare un quarto degli autobus della Capitale per un anno. A sottolineare il possibile collegamento tra l'uso degli scarti alimentari e la mobilità urbana, è il think tank Was della società di consulenza economico-ambientale Althesys, che ogni anno produce un Annual Report sul settore.

Se si raccogliessero tutti i rifiuti organici prodotti nella Capitale, circa 202.000 tonnellate di umido (nel 2014, ultimo dato Ispra disponibile), e si trasformassero in biometano, Roma potrebbe potenzialmente produrre circa 15,3 milioni di metri cubi di biometano. Una quantità di carburante con cui, assumendo la percorrenza media attuale, si potrebbero alimentare circa 550 autobus all'anno (Atac ne ha circa 2.150).

Il trasporto pubblico alimentato con biocarburante porterebbe un risparmio per l’azienda da 7 a 15 milioni di euro l'anno: dato il minor costo del biometano, si risparmiano infatti da 30 a 60 centesimi per chilometro. Inoltre, per il Campidoglio l’investimento per questi primi 550 bus sarebbe solo di 100 milioni di euro.

“Meno rifiuti da gestire per la città, meno ricorso alla discarica e anche meno inquinamento atmosferico perché il biometano produce una quantità nettamente inferiore di polveri sottili", commenta Alessandro Marangoni, presidente di Althesys, anticipando alcuni dei dati del Was Report 2016, che verrà presentato alla fine di novembre a Roma.

"Queste possibilità sono realizzabili, anche in tempi brevi, ma serve una strategia complessiva per evitare il ricorso alla discarica e che si ponga l’obiettivo di aumentare il recupero di materie”, conclude Marangoni.

25 ottobre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us