Se cambi il terreno, varia il clima

La struttura del territorio potrebbe influenzare il clima ancora più dell'effetto serra.

2002104153214_14

Se cambi il terreno, varia il clima
La struttura del territorio potrebbe influenzare il clima ancora più dell'effetto serra.
Le grandi praterie americane, trasformate in campi di mais,hanno modificato il clima.
Le grandi praterie americane, trasformate in campi di mais,
hanno modificato il clima.
Anche se le forze più gradi che modificano il clima sono i combustibili fossili e la deforestazione, alla Nasa hanno scoperto che anche cambiando il territorio può avere effetti su temporali e uragani. Lo studio, effettuato presso il Goddard Flight Space Center, nel Maryland (Usa) ha stabilito che sostituire la foresta o la prateria originaria con coltivazioni, case e cespuglieti può alterare il clima addirittura in misura maggiore dell'effetto serra.
Più potente dell'effetto serra. Dice infatti Roger Pielke, un meteorologo tra gli autori dello studio: «Il nostro lavoro fa pensare che i cambiamenti che sono avvenuti negli ultimi 300 anni abbiano alterato il clima più del raddoppiamento dell'anidride carbonica».
Abbattere una foresta, per esempio, porta a un riscaldamento del terreno, perché la traspirazione degli alberi, che emettono acqua in grandi quantità, è un processo che rinfresca l'aria. E se in un terreno innevato si ripiantano gli alberi, la nuova foresta assorbe i raggi del sole più della neve (che li respinge perché è bianca) e porta quindi a un raffreddamento del terreno. La ricerca suggerisce anche una formula che tenga conto del calore che colpisce il terreno, e non solo dei gas atmosferici.

(Notizia aggiornata al 5 ottobre 2002)

03 Ottobre 2002