Ecologia

Negli USA schizzano i consumi di carne sintetica durante la pandemia

Durante la pandemia da CoViD-19, la vendita di carne sintetica è salita notevolmente negli USA, complice (anche) una catena di produzione snella e sicura.

Amata da vegani e vegetariani, da qualche tempo ha conquistato anche uno dei templi del fast food, Burger King: è la carne sintetica, nome con cui vengono definiti quei preparati ricavati a partire da ingredienti vegetali, che hanno l'aspetto (e c'è chi dice anche il sapore) di vera carne animale, ma contengono il 15% in meno di grassi di un normale hamburger e l'80% in meno di colesterolo. In Italia la più conosciuta è la californiana Beyond Meat, ma negli USA sono diverse le aziende che si contendono il mercato. Con la pandemia da CoViD-19, le vendite di carne sintetica Oltreoceano sono schizzate del 264%.

La spinta del coronavirus. In generale, l'industria della carne "vera" ha una catena di produzione molto lunga e poco automatizzata: quella della carne sintetica, invece, fa ampio uso di tecnologia e richiede poco personale - e con la pandemia il distanziamento sociale è più facilmente attuabile). In tempi di covid, la differenza si sente: secondo quanto riporta Wired, in Texas sono state due le industrie di carne diventate focolai di contagi, e complici le basse temperature interne alle strutture e l'alta densità di lavoratori impegnati gomito a gomito, il virus si è diffuso con rapidità. Molte aziende sono state costrette a chiudere, con conseguenze molto gravi anche per gli allevatori che, non sapendo dove inviare gli animali, hanno ucciso molti capi di bestiame, liberandosene poi senza macellarli.

Qualche intoppo. Tuttavia, la CoViD-19 ha dato del filo da torcere anche ad aziende come Beyond Meat e Impossible Foods, che collaborano con diversi laboratori di ricerca universitari, chiusi per la pandemia. Al contrario dell'industria della carne, quella di carne sintetica è innovativa e sempre alla ricerca di nuove formule per migliorare i propri prodotti.

«Questo settore ha molto potenziale, ma la crisi economica innescata dalla covid ne minaccia il rapido sviluppo», afferma Saloni Shah del Breakthrough Institute, centro di ricerche ambientali. I diretti interessati si dicono però fiduciosi: «Siamo convinti che con il tempo riusciremo ad essere sempre più competitivi», afferma Dennis Woodside, presidente della Impossible Foods: «abbattendo i costi di produzione, potremo offrire i nostri prodotti a prezzi uguali o inferiori a quelli di derivazione animale».

29 maggio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us