Ecologia

Negli USA schizzano i consumi di carne sintetica durante la pandemia

Durante la pandemia da CoViD-19, la vendita di carne sintetica è salita notevolmente negli USA, complice (anche) una catena di produzione snella e sicura.

Amata da vegani e vegetariani, da qualche tempo ha conquistato anche uno dei templi del fast food, Burger King: è la carne sintetica, nome con cui vengono definiti quei preparati ricavati a partire da ingredienti vegetali, che hanno l'aspetto (e c'è chi dice anche il sapore) di vera carne animale, ma contengono il 15% in meno di grassi di un normale hamburger e l'80% in meno di colesterolo. In Italia la più conosciuta è la californiana Beyond Meat, ma negli USA sono diverse le aziende che si contendono il mercato. Con la pandemia da CoViD-19, le vendite di carne sintetica Oltreoceano sono schizzate del 264%.

La spinta del coronavirus. In generale, l'industria della carne "vera" ha una catena di produzione molto lunga e poco automatizzata: quella della carne sintetica, invece, fa ampio uso di tecnologia e richiede poco personale - e con la pandemia il distanziamento sociale è più facilmente attuabile). In tempi di covid, la differenza si sente: secondo quanto riporta Wired, in Texas sono state due le industrie di carne diventate focolai di contagi, e complici le basse temperature interne alle strutture e l'alta densità di lavoratori impegnati gomito a gomito, il virus si è diffuso con rapidità. Molte aziende sono state costrette a chiudere, con conseguenze molto gravi anche per gli allevatori che, non sapendo dove inviare gli animali, hanno ucciso molti capi di bestiame, liberandosene poi senza macellarli.

Qualche intoppo. Tuttavia, la CoViD-19 ha dato del filo da torcere anche ad aziende come Beyond Meat e Impossible Foods, che collaborano con diversi laboratori di ricerca universitari, chiusi per la pandemia. Al contrario dell'industria della carne, quella di carne sintetica è innovativa e sempre alla ricerca di nuove formule per migliorare i propri prodotti.

«Questo settore ha molto potenziale, ma la crisi economica innescata dalla covid ne minaccia il rapido sviluppo», afferma Saloni Shah del Breakthrough Institute, centro di ricerche ambientali. I diretti interessati si dicono però fiduciosi: «Siamo convinti che con il tempo riusciremo ad essere sempre più competitivi», afferma Dennis Woodside, presidente della Impossible Foods: «abbattendo i costi di produzione, potremo offrire i nostri prodotti a prezzi uguali o inferiori a quelli di derivazione animale».

29 maggio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us