Ecologia

Sarà un fiore a far muovere le auto del futuro?

Un team di scienziati inglesi all'università di Leeds ha sperimentato un sistema per produrre idrogeno dall'olio di girasole, un modo innovativo per produrre energia pulita da fonti rinnovabili,...

Sarà un fiore a far muovere le auto del futuro?
Un team di scienziati inglesi all'università di Leeds ha sperimentato un sistema per produrre idrogeno dall'olio di girasole, un modo innovativo per produrre energia pulita da fonti rinnovabili, chissà se è anche profumata...

Un giorno questo campo di fiori potrebbe essere l'equivalente di un pozzo di petrolio odierno. Una riserva di 'carburante' utile a far funzionare le auto, ma anche impianti elettrici e di riscaldamento.
Un giorno questo campo di fiori potrebbe essere l'equivalente di un pozzo di petrolio odierno. Una riserva di 'carburante' utile a far funzionare le auto, ma anche impianti elettrici e di riscaldamento.

Andare al più vicino distributore di carburante per comprare una fiaschetta d'olio, poi condirci l'insalata oppure alimentare il motore di un'automobile.
È quanto potrebbe succedere presto, quando il primo sistema per produrre idrogeno dall'olio di girasole o di altri vegetali, già in sperimentazione all'università di Leeds, sarà messo a punto. Almeno questa è l'ottimistica previsione degli scienziati che stanno conducendo dal 2003 la sperimentazione.
Mettere un fiore nei vostri motori. Da anni le principali case automobilistiche lavorano allo sviluppo di veicoli ecologici basati sulla tecnologia delle celle a combustibile che genera energia elettrica facendo reagire idrogeno con ossigeno e scaricando solo acqua. Ma per estrarre l'idrogeno necessario ad alimentare le celle a combustibile oggi, si bruciano combustibili fossili come carbone e petrolio, non diminuendo di molto i fattori inquinanti come il monossido di carbonio e l'anidride carbonica. Il generatore di idrogeno sviluppato dagli scienziati inglesi è decisamente meno inquinante: usa olio di girasole, aria e vapore acqueo e due catalizzatori chimici speciali. Il processo, inoltre, potrà avvenire a bordo dei veicoli stessi.
Poco ingombro. “Al posto di usare un accumulatore di idrogeno sui veicoli sarà possibile con questo sistema usare come carburante solo liquidi naturali e biodegradabili, evitando uno dei problemi maggiori dell'idrogeno: l'immagazzinamento” afferma Andrew Moss, uno degli scienziati del team.
L'olio di girasole utilizzato nella ricerca è stato acquistato al supermercato ed è dunque alla portata di tutte le tasche. Ma il resto della tecnologia utilizzata ha ancora un costo molto alto. Prima di renderla più economica e disponibile su ogni vettura occorrerà attendere ancora qualche anno.

(Notizia aggiornata al 1 settembre 2004)

31 agosto 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us