Aumenta la CO2, milioni a rischio di carenze nutrizionali

Le vertiginose concentrazioni di anidride carbonica che stiamo accumulando sono destinate a incidere su alimentazione e salute di centinaia di milioni di persone da qui al 2050: riso, frumento e altri raccolti di base si impoveriscono di zinco, ferro e proteine.

raccolto-co2
Malnutrizione: la quantità di raccolto non è tutto.|Shutterstock

Le nostre scelte quotidiane - da come ci spostiamo a quello che mettiamo a tavola - incidono sulla sicurezza alimentare di domani: non è solo una questione di quantità di cibo o di disponibilità di acqua, ma anche di apporto nutrizionale, a parità di calorie assunte.

 

Piatti più poveri. L'aumento delle concentrazioni di CO2 previsto da qui al 2050 è destinato a impoverire di nutrienti essenziali prodotti agricoli di base come riso e grano, causando carenza di zinco in 175 milioni di persone e carenza di proteine in 122 milioni di persone. Lo sostiene uno studio dell'Harvard T.H. Chan School of Public Health, che aggiunge che, per gli stessi motivi, oltre un miliardo di donne e bambini potrebbero perdere un'importante "fetta" di ferro assunto con l'alimentazione, esponendosi al rischio di anemie e altre malattie. La ricerca è stata pubblicata su Nature Climate Change.

 

Impatto importante. Gli esseri umani tendono ad assumere la maggior parte dei nutrienti essenziali da prodotti agricoli: il 63% delle proteine che ingeriamo deriva da fonti vegetali, così come l'81% del ferro e il 68% dello zinco. Già diversi studi hanno dimostrato che le alte concentrazioni di CO2 stanno impoverendo di nutrienti i raccolti: quelli cresciuti in habitat sottoposti a concentrazioni di anidride carbonica di 550 parti per milione (ppm) hanno concentrazioni di proteine, zinco e ferro inferiori del 3%-17%, rispetto a quelli coltivati in aree in cui la CO2 è di poco superiore alle 400 ppm.

Crescita continua. Attualmente soffrono di deficit nutrizionali oltre 2 miliardi di persone. Ad aprile 2018, il livello mensile medio di CO2 si è trovato sistematicamente sopra le 410 parti per milione, una marcia globale che procede al ritmo di 2 ppm in media in più ogni anno. Globalmente, non abbiamo mai respirato aria così satura di anidride carbonica.

 

I numeri della malnutrizione. Per lo studio, i ricercatori si sono basati su ricerche precedenti per ricostruire l'impatto sulla salute delle oscillazioni nutrizionali legate alla CO2 di 225 tipi di cibo, in diversi 151 Paesi. Nel 2050, quando le concentrazioni globali di CO2 si attesteranno intorno alle 550 ppm, l'1,9% della popolazione globale (175 milioni di persone secondo le stime sulla crescita demografica) potrebbe soffrire di carenza di zinco, mentre all'1,3% (122 milioni di persone) potrebbe mancare un sufficiente apporto di proteine. Saranno a rischio anemia per mancanza di ferro 1,4 miliardi di donne in età fertile, e i bambini sotto i 5 anni che già oggi stentano a ricevere un adeguato apporto di ferro vedranno ridotta la quantità di questo nutriente del 4% o più.

 

Tra i Paesi più duramente colpiti, ci sarà l'India (per la concentrazione di popolazione e l'elevato inquinamento atmosferico); ma risentiranno in modo importante delle concentrazioni anomale di gas serra anche le popolazioni di Asia meridionale, Sudest asiatico, Africa e Medio Oriente.

 

29 Agosto 2018 | Elisabetta Intini