Ecologia

Rifiuti elettrici ed elettronici, solo un terzo gestito in modo corretto in Europa

'Countering Weee Illegal Trade': 6,2 mln di t esportate, riciclate non correttamente o gettate nell'indifferenziata

Roma, 25 nov. (AdnKronos) - Europa 'bocciata' nella gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici: circa due terzi di tutti quelli generati non vengono trattati correttamente. E' il dato che emerge da una ricerca sul funzionamento del mercato dei Raee, dal titolo 'Countering Weee Illegal Trade' (Cwit), presentata a Roma da Pascal Leroy, segretario generale del Weee Forum, durante un workshop promosso dai Consorzi Ecodom e Remedia. L’indagine, durata circa due anni, è stata finanziata dalla Comunità Europea e realizzata dal Weee Forum insieme a Interpol, United Nations University (Unu), gli istituti United Nations Interregional Crime and Justice Research e Compliance Risks, l’associazione Cross-Border Research e la società Zanasi Partners.

Il progetto ha evidenziato che in Europa, nel 2012, solo il 35% dei Raee dismessi da aziende o da privati sono stati intercettati dai sistemi ufficiali di raccolta e riciclo: un quantitativo pari a 3,3 milioni di tonnellate contro i 9,5 milioni totali generati. Il restante 65% di Raee - pari a 6,2 milioni di tonnellate - risulta esportato oppure riciclato in modo ambientalmente non corretto, o più semplicemente gettato tra i rifiuti indifferenziati.

Lo studio ha stimato infatti che oltre 750mila tonnellate di Raee finiscono nella raccolta indifferenziata e 1,3 milioni di tonnellate vengono spedite al di fuori dell’Europa senza adeguati documenti di esportazione: di queste, circa il 30% (400mila tonnellate) sono realmente rifiuti (Raee), il restante 70% invece sono apparecchiature ancora funzionanti (Aee).

Ma una quantità 10 volte superiore a quella dei Raee esportati - circa 4,7 milioni di tonnellate - è invece gestita in modo ambientalmente scorretto o commercializzata in modo illegale all’interno dell’Europa. La diffusa sottrazione dai Raee di componenti che hanno un significativo valore economico (come le schede elettroniche o i metalli più preziosi) si traduce in una seria perdita per l’industria legale del riciclo in Europa, stimata tra gli 800 e 1.700 milioni di euro all’anno.

Di contro, i minori costi derivanti dal mancato rispetto delle regole comunitarie (in particolare per quanto riguarda l’eliminazione delle sostanze inquinanti) oscillano tra i 150 e i 600 milioni di euro all’anno. A tutto ciò si aggiunge l’enorme danno per l’ambiente: la ricerca, infatti, ha stimato che oltre 84mila tonnellate di compressori di frigoriferi vengono rubate prima della raccolta, pari a un quantitativo di CO2 equivalente a 5 milioni di autovetture moderne in circolazione ogni anno.

"I Raee sono la tipologia di rifiuti con il più alto tasso di crescita in tutto il mondo", sottolinea Pascal Leroy, segretario generale del Weee Forum, l’associazione europea della quale fanno parte i principali sistemi collettivi che si occupano di Raee, tra cui Ecodom e Remedia.

"I Raee che ogni anno, in Europa, sono gestiti in modo ambientalmente non corretto hanno un peso pari a quello di un muro di mattoni alto 10 metri che va da Oslo fino in fondo all’Italia", continua Leroy. "E’ indispensabile, pertanto, estrarre dai Raee tutti i metalli e i componenti economicamente più interessanti, tra cui le materie prime critiche (come, ad esempio, le terre rare) e massimizzarne il riciclo".

Secondo uno studio effettuato da Unu, nei 41,8 milioni di tonnellate di Raee che vengono buttati ogni anno nel mondo ci sono sostanze tossiche come piombo (circa 2,2 milioni di tonnellate), batterie (300mila tonnellate), mercurio, cadmio, cromo e gas ozono-lesivi (Cfc, circa 4.400 tonnellate), che potrebbero comportare ingenti danni per la salute (dallo sviluppo mentale al cancro, a danni epatici e renali).

Oltre alla gestione ambientalmente non corretta dei Raee, il progetto Cwit ha rivelato anche casi di frode, evasione fiscale e riciclaggio di denaro, dimostrando il netto collegamento tra reati ambientali e finanziari. I reati comprendono il trattamento inadeguato, la violazione delle norme comunitarie, i furti, la mancanza delle licenze o dei permessi richiesti, il contrabbando e le false dichiarazioni sui carichi trasportati. I ricercatori sostengono che, in alcuni Paesi, il crimine organizzato sia coinvolto nella gestione dei flussi illegali di Raee.

"Il settore dei rifiuti elettronici sta assumendo sempre maggiore rilievo tra le condotte criminali riconducibili alla gestione illecita dei rifiuti", sottolinea Marco Avanzo, direttore della Prima Divisione (Polizia Ambientale e Forestale) del Corpo Forestale dello Stato. "La sottrazione al ciclo virtuoso del recupero di quote prevalenti del volume totale alimenta, oltre a traffici nazionali e transnazionali (determinando vere e proprie emergenze nei Paesi destinatari, solitamente Paesi in via di sviluppo), una distorsione competitiva del mercato, penalizzando le aziende aderenti alla compliance".

Il progetto Cwit ha ipotizzato due nuovi strumenti per potenziare sia la cooperazione tra le agenzie e gli Stati che lo scambio e l’analisi di informazioni: un 'Operational Intelligence Management System' in grado di accrescere la conoscenza comune sui crimini collegati al commercio e al trattamento illegale dei Raee, di identificare i rischi connessi alla criminalità organizzata (sia su base nazionale che internazionale) e di suggerire azioni specifiche; una 'National Environmental Security Task Force' (Nest) finalizzata ad attivare l’applicazione di leggi che siano cooperative e coordinate a livello nazionale e internazionale.

Per rendere ancora più efficace la lotta al traffico illegale dei Raee, il progetto Cwit suggerisce ulteriori raccomandazioni tra cui: il divieto su scala europea dell’impiego dei contanti nelle transazioni relative al commercio di rottami metallici; l’obbligo di trattare i Raee in accordo ad approvati standard di qualità e di trasmettere poi i risultati del trattamento alla Comunità Europea (includendo, in particolare, un monitoraggio chiaro sulla rimozione delle sostanze inquinanti, come ad esempio il mercurio dagli schermi o il Cfc dai frigoriferi); il pieno recepimento e la tempestiva implementazione dell’ultima Direttiva sui Raee; attività investigative più precise e lungo tutta la filiera; ed infine, un maggior coinvolgimento dei consumatori, che rappresentano l’anello iniziale della catena dei Raee.

25 novembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us