Ecologia

Rifiuti, Assobioplastiche: "Ue definisca regole su frazione organica"

Rimini, 9 nov. - (AdnKronos) - Regole chiare e precise sulla raccolta della frazione organica in Europa. La richiesta arriva dal presidente di Assobioplastiche, Marco Versari, secondo cui "sulla frazione organica è fondamentale che a livello Europeo si definisca cosa fare".

Anzi, secondo il presidente di Assobioplastiche "è sorprendete che l'Ue abbia regolato la gestione di qualsiasi tipo di frazione di rifiuto, dalla carta al vetro, ma anche plastica, Raee o oli, mentre la frazione organica, che vale più di un terzo dei rifiuti prodotti ogni giorno, non viene in nessun modo regolamentata".

"È questo il vero passo in avanti che ci aspettiamo che faccia l'Ue" sottolinea Versari. Il tema è stato al centro della seconda giornata degli Stati generali della Green economy nell'ambito di Ecomondo a Rimini dalla quale è arrivata la proposta di Edo Ronchi, presidente della Fondazione sviluppo sostenibile di rendere obbligatoria la raccolta della frazione organica in tutti i paesi europei.

"Una proposta che condividiamo" commenta Versari, anche perché "sappiamo benissimo che il settore delle bioplastiche cresce se cresce la consapevolezza che la frazione organica è il principale motore per nuove applicazioni delle plastiche biodegradabili e compostabili" e si va dai sacchetti per la raccolta dell'umido alle buste per la spesa fino ad arrivare alle cialde del caffè.

Quanto all'andamento del settore delle bioplastiche, Versari spiega che a breve saranno presentati i dati annuali ma "possiamo dire che il settore cresce di diversi punti percentuali e cresce perché cresce la diffusione sul territorio nazionale della raccolta differenziata e della frazione organica". Un andamento positivo che riguarda anche le aziende attive nel settore.

9 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us