Ecologia

Regina Viarum, cittadini e associazioni la vogliono pedonale

Tozzi, la Regina Viarum chiusa al traffico sette giorni su sette

Roma, 15 dic. - (AdnKronos) - Sono passati 50 anni da quando, il 16 dicembre del 1965, il presidente della Repubblica Saragat firmò il decreto per la tutela integrale dell’Appia Antica, gettando le basi per la nascita di un parco archeologico di oltre 18 km, dalla Colonna Traiana ai castelli Romani. Mezzo secolo dopo, quel parco archeologico ancora non c'è e i primi chilometri della Regina Viarum continuano a essere considerati un'arteria di scorrimento qualsiasi, con veicoli privati e pullman che passano sui tratti di basolato.

"Un nodo assolutamente da sciogliere, una situazione insostenibile che non può continuare. La Via Appia Antica deve essere pedonale sette giorni su sette, non solo la domenica", spiega il commissario straordinario del Parco Regionale dell'Appia Antica Mario Tozzi che oggi ha unito la sua voce a quella di cittadini a associazioni, prime fra tutte Legambiente, VeloLove, Rete Mobilità Nuova e Touring Club Italiano, che chiedono la pedonalizzazione dell'area.

Obiettivo: dare vita e dignità al parco e realizzare un itinerario museale a cielo aperto valorizzando finalmente un luogo amato in tutto il mondo (lo stesso che Leonardo Di Caprio ha scelto come immagine e nome della sua casa di produzione, la Appian Way). Per realizzare il progetto di una grande area pedonale, si rilancia il progetto del Grab, il Grande Raccordo Anulare delle Bici della Capitale, prologo per la realizzazione di una grande area ciclopedonale.

Un itinerario che partendo da piazza Venezia per rendere percorribile, accogliente e sicuro il percorso che ingloba i Fori, il Colosseo, il Palatino, il Circo Massimo, le Terme di Caracalla, Porta San Sebastiano e le Mura Aureliane, le Catacombe di San Callisto e di San Sebastiano e poi via via il parco della Caffarella e quello degli Acquedotti.

Oggi c’è un nuovo e decisivo stimolo ad accelerare l’avvio del cantiere Grab: grazie all’impegno del ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Graziano Delrio, la legge di stabilità che verrà approvata nei prossimi giorni dal Parlamento potrebbe contenere le risorse economiche necessarie alla realizzazione dell’anello ciclopedonale capitolino nell’ambito di un sistema nazionale di ciclovie turistiche che individua proprio nel Grab, nella ciclovia Ven.To tra Venezia e Torino e nella ciclovia Verona-Firenze i tre interventi prioritari in questo ambito per il Governo.

"Non conosciamo ancora l'entità di queste risorse ma, salvo scherzi dell'ultimo momento, saranno sicuramente sufficienti a realizzare subito il Grab", spiega Alberto Fiorillo, responsabile Aree Urbane di Legambiente, lanciando l'Appia Day di primavera: una giornata che vedrà protagonista la Regina Viarum liberata dal traffico, "con il cantiere del Grab aperto.

Nel frattempo, l'associazione Salvaiciclisti invita tutti a montare in sella e indossare scarpe comode per partecipare all'occupazione simbolica della Via Appia Antica, domenica 20 dicembre. L'appuntamento con Occupy Appia Antica è alle 11 nel tratto tra Porta San Sebastiano e via Ardeatina, per dare un messaggio forte all’amministrazione e agli automobilisti romani sul rispetto della vigente ordinanza del sindaco (9 marzo e 27 aprile 1997) che prevede la chiusura al traffico della strada durante le domeniche e i festivi.

Ordinanza che, nonostante l’apposita segnaletica, viene continuamente disattesa per mancanza di controlli, mettendo anche a rischio l’incolumità di cittadini e turisti che passeggiano a piedi e in bicicletta sulla strada, accesso principale al parco archeologico.

A gran voce verrà chiesto inoltre il rispetto dei già previsti divieti di sosta e dei limiti di velocità su tutta la strada. L’Ente Parco Regionale Appia Antica accoglierà i ciclisti nei luoghi della Ex-Cartiera, organizzando visite guidate di gruppo e lasciando a disposizione l’intera area del parco adiacente per il pranzo al sacco e la socializzazione. Gli hashtag correlati all’evento sono #appianticapedonale e #appianticacarfree.”

15 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us