Ecologia

Raccolta differenziata e sanzioni, tre città a confronto

A Milano oltre 16mila verbali nel 2015, a Palermo 351

Roma, 18 set. - (AdnKronos) - Fare una corretta raccolta differenziata e chi sbaglia paga. Almeno così dovrebbe essere. Per cercare di capire come si svolgono le attività di controllo sul territorio in materia di rifiuti abbiamo messo a confronto tre grandi città: Milano, Roma e Palermo. La città più attiva nei controlli è Milano che, dal primo gennaio al 12 settembre, registra 15.851 sanzioni. Sarà forse per questo che la raccolta differenziata a Milano nei primi 8 mesi del 2015 ha superato il 53%. Molte meno sanzioni nella capitale che ne conta 3424 (dal primo gennaio al 5 settembre) ma i cittadini romani non sempre hanno le idee chiare in tema di raccolta differenziata. E così finisce che scontrini, cartoni della pizza da asporto usati, lampadine e cristallo vengono conferiti nel cassonetto sbagliato. (Foto - Video)

Fa peggio Palermo con solo 351 verbali (fino al 31 agosto). In particolare, sia a Milano che a Roma, le inosservanze vengono verificate da accertatori ‘sul campo’, rispettivamente di Amsa o Ama, appositamente formati e abilitati a tale funzione. A Palermo invece spetta solo alla Polizia municipale il compito di controllare il corretto conferimento dei materiali, sia per i condomini che per le attività.

Guardando nel dettaglio, la voce che a Milano registra più inosservanze è la mancata effettuazione della raccolta differenziata del vetro con 6.777 sanzioni. A Roma, invece, è l’errato utilizzo/custodia dei contenitori condominiali assegnati (1.492). A Palermo, dove la raccolta differenziata è attiva in 6 zone, la Polizia municipale ha effettuato 626 controlli e 351 verbali da 50 euro ciascuno per una scorretta applicazione delle norme sulla raccolta.

18 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us