Ecologia

Quella parte sconosciuta del Vesuvio, visitabile una volta all'anno

Le escursioni

Roma, 24 set. - (AdnKronos) - La cantava Giacomo Leopardi, l''odorata ginestra', aggrappata all''arida schiena' dello 'sterminator Vesevo'. Ancora oggi questo fiore abbellisce le pendici del vulcano campano e costituisce una delle principali attrattive del turismo naturalistico nella zona. Le specie più diffuse sono quelle dell'Etna, introdotte dalla forestale per stabilizzare il terreno lavico. Eppure non tutti i visitatori riescono a notarla, perché concentrati solo e soltanto sul cratere.

Renderla visibile è una delle missioni dell'associazione culturale 'Vesuvio natura da esplorare': "Noi ci occupiamo di escursionismo, siamo quasi tutti naturalisti e siamo guide ufficiali del parco del Vesuvio - spiega ad AdnKronos il segretario Ciro Cascone - il nostro scopo è valorizzarlo come scrigno di biodiversità e farne conoscere ogni aspetto, non solo il cratere".

In occasione della Settimana del pianeta Terra, l'associazione guiderà i visitatori nella riserva forestale 'Tirone alto Vesuvio', normalmente chiusa: un lungo percorso che dal Gran Cono arriva fino alla terrazza panoramica da cui si domina la valle.

Si può visitare il parco anche in solitaria, senza appoggiarsi all'associazione. Ma non tutti i sentieri sono aperti, sul Vesuvio: alcuni sono chiusi per scarsa manutenzione e mancanza di personale, altri sono riservati alla Forestale e gli accessi sono regolamentati.

"Il numero di partecipanti alle nostre escursioni è in crescita, soprattutto con le scuole - assicura Cascone - e a tutti elenchiamo quali sono i divieti di cui tenere conto nel visitare un parco nazionale: niente campeggi, fuochi, non si disturbano flora e fauna".

Spesso le persone del luogo sono più irrispettose degli stranieri: lasciano i rifiuti sul posto o appiccano fuochi. In questi ultimi giorni c'è stato un attacco piromane: si sono persi 10 ettari di macchia mediterranea".

24 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us