Focus

Processo ai cambiamenti climatici a Milano

A contatto con proiezioni su temperatura e previsioni meteo: il nostro racconto dell'incontro su clima ed energia al Politecnico di Milano.

silvi2
L'attuale siccità in Medio Oriente non ha precedenti negli ultimi 900 anni, e questo permette di affermare che l'impronta dell'uomo è certa. | hADI MIZBAN STF

In quale direzione ci stanno portando i cambiamenti climatici? Come interpretare le proiezioni che li riguardano? Ci stiamo impegnando abbastanza dal punto di vista del riciclo e dei consumi energetici? Ne abbiamo parlato questa mattina al Politecnico di Milano, durante la tappa milanese di Panorama d'Italia.

 

Antonello Provenzale (direttore dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR), ha sottolineato l'impatto che il riscaldamento globale sta avendo sul ciclo idrogeologico; i cambiamenti climatici renderanno la disponibilità d'acqua sicura da bere sempre minore, e questo aspetto è meno sotto i riflettori rispetto a quello più "mediatico" dell'aumento delle temperature e dell'innalzamento dei mari.

 

Il Professor Marino Gatto, ordinario di Ecologia al Politecnico, ha parlato dell'aspetto ecologico del clima che cambia: le migrazioni di piante ed insetti ad alta quota sono prove tangibili del global warming; oceani e piante sono già saturi di CO2 e non possono aiutarci di più. Dobbiamo agire di persona, come ha ricordato Giancarlo Morandi, presidente Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo, che ha sottolineato il ruolo dell'Italia nel riciclo dei materiali.

 

Sono intervenuti anche il Ministro dell'Ambiente Galletti, che con un video messaggio ha parlato dell'accordo sul clima di Parigi, e Guido Guidi e Daniele Mocio dell'Aeronautica Militare Italiana, che hanno spiegato la differenza tra modelli climatici a lungo termine e previsioni meteo precise. Fabio Inzoli, direttore del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano, ha concluso con una panoramica sugli scenari energetici futuri. Qui sotto il video completo dell'incontro.

 

21 ottobre 2016 | Elisabetta Intini