Londra: l'invasione dei bruchi

Una folta popolazione di bruchi urticanti di una farfalla europea mette in allarme il sud dell’Inghilterra.

thaumetopoea_processionea_closeup
Un gruppo di bruchi della processionaria della quercia (Thaumetopoea processionea). Il nome deriva dall'abitudine di questi insetti di spostarsi da un albero all'altro in fila, come in una processione.|Kleuske / WikiMedia

Le rapide espansioni di popolazioni di insetti sono molto famose nella storia: basta pensare alle cavallette e alle mosche delle piaghe d’Egitto. Quando le condizioni sono ottimali, infatti, i numeri degli insetti possono letteralmente esplodere. È quello che sta accadendo in questi giorni nel sud dell’Inghilterra, in particolare nella zona di Londra: l’insetto invasore è una piccola farfallina, la processionaria della quercia (Thaumetopoea processionea).

 

Peli aggressivi. Gli adulti, marroni o grigi, sono mimetici e innocui, mentre i bruchi sono decisamente nocivi. Arrivati al quinto o sesto stadio (i bruchi di farfalla fanno alcune mute, prima di diventare crisalide e adulto) si ricoprono di lunghi peli bianchi, urticanti perché ricchi di una proteina, la thaumatopoeina, che si libera quando i peluzzi si rompono. Nel migliore dei casi può causare una dermatite fastidiosa, ma potrebbe anche provocare shock anafilattici e forte asma. Per questo in Inghilterra è allarme, e le autorità suggeriscono di non toccare i bruchi, ma di avvisare la Forestry Commission (il corpo forestale).

Riuscire a combattere queste vere e proprie invasioni è molto complicato, e i britannici cercano di farlo con insetticidi e spray a base di batteri nocivi. Purtroppo, quando una specie con caratteristiche di invasività e resistenza alle avverse condizioni si stabilisce su un territorio, è estremamente difficile eradicarla totalmente.

 

Invasori e invasati. Come è arrivata la processionaria in Inghilterra? Per espandersi così rapidamente, infatti, una specie deve capitare al posto giusto al momento giusto, e incontrare condizioni adatte alla (sua) vita: ed è quello che accadde per la farfallina.

Secondo le ricerche della Forestry Commission, la specie è stata introdotta per la prima volta in Gran Bretagna nel 2005, quasi certamente sotto forma di uova deposte su piante di quercia vive importate dall'Europa continentale. Una schema, questo del commercio globale che diffonde specie ovunque, che si è ripetuto più e più volte in molti Paesi del mondo e ha causato numerose devastazioni ecologiche.

 

censimento della flora vascolare italiana
Tutte le piante d'Italia, comprese quelle aliene. | F. Conti

 

Inoltre, in Inghilterra meridionale, grazie al riscaldamento globale, la temperatura è anche leggermente più alta di qualche decennio fa, e perfetta per la farfallina. Infine il sud dell’isola si è rivelato un ambiente perfetto, perché non esistono tutti i nemici (batteri, vespe, un coleottero predatore, il sicofante, Calosoma sycophanta, e uccellini insettivori), che si nutrono dei bruchi e tengono sotto controllo la specie nelle zone dove è nativa, cioè l'Europa dell'est e del sud.

05 Maggio 2018 | Marco Ferrari