Ecologia

È possibile allevare mucche che producano meno metano?

Scoprire le differenze tra le mucche che emettono più metano e quelle che ne emettono meno è un primo passo per, un giorno, riuscire ad allevare bovini più ecologici.

Ogni anno una mucca emette tra i 70 e i 120 kg di metano: considerato che al mondo ci sono 1,5 miliardi di mucche, solo i bovini producono in media annualmente 104 miliardi di chili di metano – tra l'11% e il 19% delle emissioni di gas serra globali, a seconda delle stime. Per questo motivo è importante trovare un modo per far sì che queste emissioni diminuiscano, sia riducendo il consumo di carne sia cercando di far produrre meno metano ai bovini. È possibile? Uno studio pubblicato sul Journal of Dairy Science ha per la prima volta analizzato le differenze chiave tra le mucche che emettono più o meno metano, per esplorare la possibilità futura di allevare mucche "a basse emissioni". Ecco che cosa hanno scoperto i ricercatori.

Perché le mucche emettono metano?

Nelle mucche e in altri ruminanti il metano viene prodotto nel rumine, o primo stomaco, che è essenzialmente una bocca di fermentazione microbica che ospita milioni di microbi che aiutano gli animali a digerire il cibo. Durante la digestione, i microbi convertono le fibre in diverse sostanze chimiche tra cui il metano, che viene rilasciato attraverso puzzette e rutti.

Mucche più efficienti. «Ci siamo concentrati sulle mucche da latte, ma i risultati possono essere applicati anche ad altri ruminanti, come i bovini da carne e le pecore», sottolinea Dipti Pitta, uno degli autori. Dall'analisi − che ha preso in considerazione cinque bovini a basse emissioni di metano e cinque ad alte emissioni appartenenti a una mandria di 130 mucche da latte − è emerso che i bovini che emettono meno metano sono più efficienti e possono migliorare le proprie attività metaboliche come la crescita e la produzione di latte, perché la formazione di metano è un processo energeticamente inefficiente.

Le mucche più ecologiche emettono circa il 22% in meno di metano rispetto a quelle più inquinanti: in generale, i due bovini non si differenziano per quantità di cibo ingerito e quantità o composizione del latte prodotto, anche se quelle che emettono di meno digeriscono minori quantità del cibo che assumono.

Meno microbi. Quel che differenzia i due tipi di mucche è il fatto che quelle che emettono meno metano hanno meno tipi di microbi nei rumini, e questi microbi spesso non sono metanogeni (ovvero produttori di metano). «La fermentazione che avviene nei bovini che emettono molto metano porta a una maggiore produzione di idrogeno, che fa aumentare i livelli di acetato, che a sua volta supporta la formazione di metano», spiega Pitta.

Fisicamente, le mucche più ecologiche sono anche più basse: questo dipende dalla grandezza del loro stomaco e dal volume di cibo nel loro rumine.

Metodi attuali e futuri. Attualmente il metodo più utilizzato per limitare le emissioni di metano dei bovini è dar loro degli inibitori che impediscano ai microbi del rumine di produrre metano: studi precedenti hanno dimostrato che gli inibitori sintetici sono in grado di ridurre le emissioni di metano del 30%, mentre quelli derivati dalle alghe arrivano al 60% ma possono interferire con la digestione degli animali.

Ora Pitta e i suoi colleghi stanno studiando la possibilità di selezionare le mucche affinché si ottengano microbiomi più efficienti: per ottenere risultati migliori, si potrebbe combinare questa selezione di razze "a basse emissioni" con la somministrazione di inibitori.

10 settembre 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us