Ecologia

Plancton in volo nei cieli

Piovono sale e microrganismi oceanici? Tutta colpa degli uragani.

Plancton in volo nei cieli
Piovono sale e microrganismi oceanici? Tutta colpa degli uragani.

L'uragano Nora in un'immagine da satellite. Era ricco di plancton. (Foto: © Nasa)
L'uragano Nora in un'immagine da satellite. Era ricco di plancton.
(Foto: © Nasa)

Secondo un nuovo studio, l'uragano Nora verificatosi nel settembre 1997 - prima in Messico e poi dirigendosi verso la California del sud - trasportava plancton dall'Oceano Pacifico all'Oklahoma. I potenti venti della tempesta, al di sopra di 70 miglia all'ora, hanno sollevato dal mare spruzzi oceanici contenenti sale e microrganismi. Questi ultimi, bloccati all'interno dei cristalli di ghiaccio delle nubi, sono stati soltanto adesso individuati dagli scienziati della Nasa e dagli studiosi di numerose università. Per analizzare gli alti cirri dell'uragano e raccogliere i cristalli di ghiaccio, i ricercatori si sono serviti di sensori a terra nell'Utah e Oklahoma, di strumenti satellitari e di un velivolo di ricerca.
Plancton atmosferico. Gli effetti ottici spettacolari generati dal flusso degli alti cirri, tra cui aloni e archi, sono stati probabilmente il risultato del sale soffiato dalla tempesta intorno ai cristalli di ghiaccio puro. I ricercatori hanno rintracciato le nubi di Nora a est dell'Oklahoma, dopodiché si sarebbero dissipate mescolandosi con altra aria e depositandosi sulla terra; i cristalli, infine, si sarebbero volatilizzati e il plancton si sarebbe depositato nell'atmosfera. Capire come si sviluppano i cristalli di ghiaccio e che cosa determina le loro forme, è importante per comprendere come questi interagiscono con la luce solare e l'energia infrarossa. Queste interazioni sono processi fondamentali nel sistema globale del clima e per registrare le proprietà fisiche delle nuvole dallo spazio.

(Notizia aggiornata al 5 maggio 2003)

30 aprile 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us