Ecologia

Pizza napoletana patrimonio Unesco, la petizione sbarca a New York

Pecoraro Scanio: "Il riconoscimento dell'arte della pizza napoletana da parte dell'Unesco proteggerà il prodotto e l'economia a esso associata dal fenomeno dell'italian sounding"

Roma, 20 gen. (AdnKronos) - La petizione per chiedere che l'arte della pizza napoletana sia patrimonio Unesco sbarca negli Stati Uniti. Dopo aver toccato città come Roma, Napoli, Milano e Londra, la raccolta firme lanciata su Change.org fa tappa oltreoceano a New York.

"Il riconoscimento dell'arte della pizza napoletana da parte dell'Unesco proteggerà il prodotto e l'economia a esso associata dal fenomeno dell'italian sounding. I prodotti di qualità inferiore che utilizzano nomi italiani minacciano l'economia del nostro Paese producendo danni che secondo le ultime stime Coldiretti costerebbero all'Italia 300mila posti di lavoro, con un fatturato del falso Made in Italy nel settore agroalimentare che ha già raggiunto i 60 miliardi di euro", ha sottolineato il presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, già ministro dell'Agricoltura e dell'Ambiente.

L'iniziativa #pizzaUnesco si terrà oggi presso Rossopomodoro in West Village alle 17 locali. A presentare la petizione e a chiedere che l'arte della pizza napoletana sia inserita nella 'Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità' saranno Pecoraro Scanio, il presidente di Rossopomodoro Franco Manna e l'amministratore delegato della società Simone Falco, Sergio Miccù, presidente dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani, Antimo Caputo, amministratore delegato dell'Antico Molino Caputo, Salvatore Cuomo, chef e ristoratore, presidente della principale catena di pizzerie in Giappone.

20 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us