Ecologia

Più antiossidanti negli alimenti 'bio secondo il British Journal of Nutrition

L'articolo scientifico sottolinea anche una presenza di residui di antiparassitari 4 volte superiore nelle colture convenzionali

Roma, 31 ott. - (AdnKronos) - Ci sarebbero significative differenze nutrizionali tra alimenti biologici e non, secondo un recente articolo scientifico pubblicato sul British Journal of Nutrition. L'articolo riporta i risultati di una meta-analisi sulla base di 343 pubblicazioni peer-reviewed che nel complesso indicano differenze statisticamente significative nella composizione nutrizionale tra alimenti biologici e non biologici in un confronto basato su singole colture.

Di particolare significato, le concentrazioni di vari antiossidanti quali i polifenoli, risultate significativamente più alte in alimenti bio, con livelli superiori rispetto alle controparti convenzionali per acidi fenolici (+19%), flavononi (+69%), stilbeni (+28%), flavoni (+26%), flavonoli (+50%) e antocianine (+51%).

Studi epidemiologici hanno legato molti di questi composti alla riduzione del rischio di malattie croniche, tra cui patologie cardiovascolari e neurodegenerative e alcuni tipi di cancro. Inoltre, la presenza di residui di antiparassitari è risultata essere di 4 volte superiore nelle colture convenzionali che contenevano anche concentrazioni significativamente più elevate di metalli tossici come il cadmio. Differenze significative sono state infine rilevate anche per altri composti quali minerali e vitamine.

31 ottobre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us