Ecologia

Piste ciclabili torinesi sotto esame, ci pensano i ciclisti urbani

al via il progetto 'Adotta una pista' per creare una mappa della percorribilità

Torino, 20 lug. - (AdnKronos) - AAA ciclisti urbani volontari cercasi per "battere" le piste ciclabili cittadine e mapparne lo stato di manutenzione e conservazione. Obiettivo: stimolare l’amministrazione a manutenere i quasi 200 km di ciclabili esistenti e intervenire su quelle in cattivo stato. A lanciare il progetto di crowdsourcing "Adotta una pista" sono Bike Pride Fiab Torino e Sportorino che chiedono il contributo volontario di chi le ciclabili le vive e percorre ogni giorno.

Il progetto, ora in una prima fase sperimentale, è alla ricerca dei primi ciclisti e attivisti che volontariamente si impegnino a monitorare lo stato di uno o più tratti ciclabili della città. “In quanto associazione che mira alla tutela e alla salvaguardia delle categorie più deboli della strada, e in particolare dei ciclisti urbani - spiega Diego Enrico Panzetta, promotore per Bike Pride del progetto - da tempo avevamo l’idea di monitorare le piste ciclabili di Torino. E per farlo abbiamo deciso di coinvolgere gli stessi utilizzatori e creare una community di utenti 'critici'".

Utenti, cioè, in grado di fare una valutazione dello stato della pista, segnalando criticità e problematiche già presenti. Le segnalazioni verranno poi confermate o meno da altri utenti.

Già da tempo, i ciclisti segnalano nei gruppi sui social, sui forum, via email all’associazione o direttamente all’amministrazione, lo stato delle ciclabili. Questo progetto vuole cercare di sistematizzare e integrare le diverse comunicazioni, non limitandosi alle piste ciclabili, ma andando a coinvolgere in un secondo momento anche le aree pedonali e le strade a più alta frequentazione di biciclette.

Con il tempo, “Adotta una pista” costruirà una mappa di piste ciclabili e pedonali, segnalando quelle usabili e quelle con problematiche in tempo reale. “Siamo ben lontani dall’avere delle ciclabili come quelle dei paesi nordici, a cui aspiriamo noi ciclisti urbani, ma speriamo che questo progetto possa contribuire ad aiutare il Comune a investire e a ripensare all’infrastruttura ciclabile della città”, aggiunge Panzetta.

20 luglio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us