Ecologia

Pinguini affamati da un mega iceberg

Un iceberg vasto quanto la Valle da Aosta sta mettendo in pericolo i piccoli di due colonie di pinguini

Pinguini affamati da un mega iceberg
Un iceberg vasto quanto la Valle da Aosta sta mettendo in pericolo i piccoli di due colonie di pinguini

Il pinguino di Adelia (Pygoscelis adeliae) è lungo in media 70 cm, ed è ricoperto da un piumaggio corto, fitto, simile a pelo. Si porta sulla terraferma solo nel periodo della riproduzione, durante l'estate antartica, quando nidifica in colonie affollate, formate anche da migliaia di individui. Ogni uccello si ricongiunge ogni anno con lo stesso compagno e ritrova sempre lo stesso nido.
Il pinguino di Adelia (Pygoscelis adeliae) è lungo in media 70 cm, ed è ricoperto da un piumaggio corto, fitto, simile a pelo. Si porta sulla terraferma solo nel periodo della riproduzione, durante l'estate antartica, quando nidifica in colonie affollate, formate anche da migliaia di individui. Ogni uccello si ricongiunge ogni anno con lo stesso compagno e ritrova sempre lo stesso nido.

Decine di migliaia di pulcini di pinguini di Adelia (Pygoscelis adeliae), in Antartide, rischiano di morire di fame: un gigantesco iceberg, chiamato B-15 A (vedi foto), sta infatti impedendo l'accesso al mare ai genitori, che probabilmente non riusciranno a portare cibo ai loro piccoli.
Il percorso che gli adulti sono obbligati a percorrere da Capo Royds per raggiungere le acque in cui trovare krill e piccoli pesci e tornare indietro, misura 180 km: ora del rientro, i pinguini avranno consumato tutto il cibo destinato ai loro figli.
Gli esperti sostengono che non vi sia comunque pericolo di estinzione per l'intera colonia, formata da 3 mila coppie.
Minaccia ghiacciata. Le preoccupazioni si estendono inoltre anche alla colonia di pinguini di Cape Bird: gli scienziati hanno calcolato che soltanto il 10% dei figli delle coppie di pinguini di Adelia qui residenti riusciranno a crescere. Anche in questo caso, il viaggio che i genitori devono compiere per sfamarli è troppo lungo: 100 km.
Il B-15 A, con un'area di 3 mila chilometri quadrati, oggi è il più grande iceberg in circolazione: la sua superficie è pari a quella della Valle d'Aosta. È “figlio” del gigantesco B-15, che si staccò dalla barriera di Ross nel 2000, e che si spezzò in 2 iceberg principali e 10 iceberg secondari nel 2003, a seguito di una violenta tempesta. Babbo Iceberg misurava circa 11.000 chilometri quadrati, lungo in media 295 km e largo 40 km; anch'esso fu responsabile della morte di centinaia di migliaia di pinguini, ai quali bloccava l'accesso al mare. I ricercatori americani hanno stimato che il B-15A contiene acqua fresca a sufficienza per rifornire il bacino del fiume Nilo per i prossimi 80 anni!
Niente rompighiaccio per il rompiscatole. Questo gigante, che si muove con una velocità di 2 km al giorno, blocca l'accesso all'Oceano anche a tre stazioni scientifiche della zona (statunitense, italiana e neozelandese), impedendo così l'arrivo delle navi rompighiaccio che avrebbero dovuto portare a gennaio i rifornimenti di carburante e di alimenti per il prossimo anno. I ricercatori delle stazioni stanno studiando alternative per poter avere accesso ai rifornimenti, tra cui quella di aprire un canale nel pack lungo 130 km.

(Notizia aggiornata al 20 dicembre 2004)

20 dicembre 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us