Ecologia

PFTBA: il gas serra più pericoloso della CO2

Scoperte in Canada le pericolose proprietà di un gas impiegato nell'industria fin dalla metà del secolo scorso. Quali sono i reali rischi per l'ambiente? E quanti altri gas serra potrebbero esistere di cui ignoriamo l'esistenza?

Ha un nome quasi impronunciabile, perfluorotributilamina (ma potete chiamarla PFTBA) ed è stato scoperto qualche settimana fa dai ricercatori dell’ Università di Toronto: è il gas serra più potente del mondo, 7100 volte più efficace della CO2 nel trattenere sulla Terra il calore dei raggi solari.

Una vecchia conoscenza
A dirla tutta, questa sostanza chimica è nota all'uomo da oltre cinquant'anni: dalla metà del XIX secolo è infatti impiegata in molti processi industriali, per esempio nella produzione di transistor e condensatori. Ciò che Angela Hong e il suoi collaboratori hanno scoperto è che questo gas, oltre ad avere il potere irradiante più alto tra le tutte le molecole presenti nell'atmosfera, può rimanere in sospensione per più di 500 anni prima di degradarsi e scomparire.
Fortunatamente la concentrazione di PFTBA nell'aria è molto bassa: secondo i ricercatori non più di 0,18 parti per miliardo contro le 400 parti per milione della CO2.

Niente distrazioni
Lo studio, pubblicato sull'ultimo numero di Geophysical Research Letter, chiarisce come la scoperta delle proprietà di questo gas non debba distogliere l’attenzione da quello che comunque rimane il principale responsabile del surriscaldamento del pianeta: l’anidride carbonica prodotta dai processi industriali e di combustione. «Dobbiamo comunque tenere sotto controllo questa molecola» spiega alla stampa Drew Schindell, climatologo al Goddard Institute for Space Science, «se dovesse proliferare potrebbe dare un sostanzioso contributo all’effetto serra».

Molecola immortale

Una delle caratteristiche più preoccupanti della perfluorotributilamina rimane però la sua persistenza: a differenza della CO2, che viene comunque catturata dalle foreste e dagli oceani, questa molecola non ha nemici naturali di alcun tipo. «Ogni singola molecola può potenzialmente influire sul clima» afferma la Hong.
Lo studio canadese si conclude sollevando due inquietanti interrogativi: qual è, a livello mondiale, la quantità di PFTBA attualmente utilizzato nei processi industriali? E quali altri gas potrebbero essere potenzialmente pericolosi per il clima, al momento a nostra insaputa?

Ti potrebbero interessare:
Scopri quanta CO2 produci
Solidificare la CO2 potrebbe funzionare?

Il prezzo del boom economico cinese
VAI ALLA GALLERY (N foto)

17 dicembre 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us