Pesticidi: il disastro dei neonicotinoidi

Le risaie nell'ovest del Giappone: i pesticidi filtrati nel terreno e arrivati fino a un vicino lago hanno stroncato lo zooplancton di cui si nutrono i pesci.

pesticidi_169450757
| PiggingFoto / Shutterstock

Uno studio pubblicato su Science denuncia come l'uso dei pesticidi neonicotinoidi nelle risaie vicino al lago Shinji, nell'ovest del Giappone, abbia avuto conseguenze devastanti sulla fauna lacustre: in un solo anno la pesca di anguille e sperlani (Osmerus eperlanus) è scesa da 240 a 22 tonnellate.

 

Wellcome Images, api, Apis mellifera, pesticidi, insetti impollinatori, biodiversità
Un'ape del miele (Apis mellifera): questi insetti impollinatori, minacciati anche dai pesticidi, sono fondamentali per l'ambiente e la biodiversità. Per approfondire: api, un altro problema. | Annie Cavanagh / Wellcome Images

Pesticidi e pescicidi. I ricercatori sostengono che i pesticidi, arrivati fino al lago dopo l'uso nei campi, abbiano stroncato lo zooplancton di cui si nutrono i pesci. Basandosi su decenni di dati raccolti, hanno riscontrato in un solo anno un calo dell'83% della biomassa di zooplancton del lago.

 

Secondo gli autori, lo stesso fenomeno è il responsabile del calo della pesca che il Giappone ha sofferto negli ultimi decenni, e non escludono casi analoghi nel resto del mondo. Dopo la prova degli effetti di questi pesticidi sugli insetti impollinatori (come le api) e sugli uccelli, questa scoperta è un'ulteriore conferma dei rischi impliciti nel loro utilizzo.

 

14 novembre 2019 | Davide Lizzani