Ecologia

Perforazioni più veloci e meno rischiose, c'è un software ad hoc

Utilizzato fin dalla fase di progettazione, permette di prevedere e mitigare i problemi di instabilità del foro. E' stato applicato industrialmente in nove Paesi dove opera Eni.

Roma, 24 dic. - (AdnKronos) - Ridurre tempi e costi e mitigare i rischi. Con questi obiettivi le compagnie petrolifere si sono impegnate negli anni per controllare tutte le fasi della perforazione. La produzione di idrocarburi localizzati in ambienti estremi (acque profonde, zone artiche, strutture geologiche complesse e aree sensibili) rappresenta, infatti, un forte stimolo per l'industria petrolifera ad ampliare il proprio portafoglio tecnologico.

Un impegno prioritario, visto che le attività si svolgono in condizioni ambientali estreme (profondità, elevate pressioni e temperature, condizioni artiche) e particolarmente sensibili dal punto di vista ambientale (aree altamente abitate, foresta, ecc.). Proprio per questo Eni ha prodotto un software per la wellbore stability (stabilità del foro), utilizzato dai tecnici di perforazione fin dalla fase di progettazione, che permette di migliorare la sicurezza e ridurre i tempi/costi di perforazione grazie alla previsione e mitigazione dei problemi di instabilità del foro.

Elemento chiave è stato il rilascio di una piattaforma di modellazione della stabilità foro integrata col database centrale contenente le informazioni sugli asset della divisione. Un ulteriore beneficio del software è una consistente riduzione nei tempi di progettazione dei pozzi. Il software, rilasciato nella sua versione integrale nel dicembre 2011, è stato applicato industrialmente in nove paesi dove Eni opera.

24 dicembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us