Perché l'Artico sta diventando verde?

Sotto al ghiaccio marino fioriscono colonie di fitoplancton. Un tempo era quasi impossibile, oggi le piscine di acqua di fusione permettono alla luce solare di filtrare in profondità.

ponds_on_the_ocean_icescape
Piscine di scioglimento sopra ai ghiacci artici.|ICESCAPE Wikimedia Commons

Il ghiaccio artico sta progressivamente diventando verde, e se la causa è nota - la fioritura di fitoplancton sotto alla calotta - come questo sia possibile era ancora un mistero. Queste microscopiche alghe hanno bisogno di luce per compiere la fotosintesi, e sotto alla banchisa l'oscurità dovrebbe essere tale da non consentirne la crescita.

 

Scuro e sottile. Un gruppo di ricercatori coordinati da Chris Horvat dell'Università di Harvard ha risolto l'enigma. I cambiamenti climatici hanno a tal punto assottigliato il ghiaccio marino, moltiplicando le piscine superficiali di acqua di fusione, che quella che un tempo era una barriera in grado di riflettere la luce solare agisce oggi come superficie assorbente.

Le pozze d'acqua più scure attirano il calore del Sole favorendo l'assottigliamento dei ghiacci sottostanti. I raggi solari riescono quindi a filtrare più in profondità e a favorire la crescita del plancton.

 

Regressione. I modelli matematici degli scienziati rivelano che se fino a 20 anni fa solo il 3-4% dei ghiacci artici era abbastanza sottile da consentire la fioritura di grandi colonie di fitoplancton sotto di esso, nel 2015 ben il 30% di pack favoriva questi strati di alghe nei mesi estivi. E da allora lo spessore dei ghiacci artici non ha fatto che diminuire. Il fenomeno potrebbe avere effetti sulla catena alimentare marina e sugli animali che si nutrono di questi microrganismi.

 

01 Aprile 2017 | Elisabetta Intini