Ecologia

Perché così tante epidemie nascono in Asia e Africa?

C'è un motivo se epidemie e pandemie hanno più facilmente origine in Paesi dell'Asia o dell'Africa, e non è rassicurante.

Ormai lo sanno anche i sassi: il nuovo coronavirus COVID-19 ha avuto origine in Cina, nella regione dell'Hubei, e da lì ha cominciato la sua corsa a infettare tutti gli angoli del pianeta. Non è una novità: solo negli ultimi 20 anni ci sono state tre diverse epidemie di una qualche variante di coronavirus, e il tempo che trascorre tra una e la successiva si fa sempre più breve.

In un articolo su The Conversation, il professor Suresh Kuchipudi della Pennsylvania State University, esperto di virus zoonotici (cioè che passano dagli animali all'uomo), spiega come mai questo genere di epidemie si sviluppa quasi sempre in Paesi dell'Asia o dell'Africa - il motivo è da ricercare nella loro crescita economica, e non è rassicurante.

Reazione a catena. Kuchipudi spiega che Asia e Africa, dove vive il 60% della popolazione mondiale, stanno andando incontro in questi anni a un rapidissimo processo di urbanizzazione: solo nell'ultimo decennio, circa 200 milioni di persone hanno abbandonato le campagne dell'Asia orientale per andare a vivere in zone urbane. Urbanizzazione significa anche deforestazione e distruzione dell'habitat: questo spinge gli animali selvatici, privati delle loro case, ad avvicinarsi sempre di più ai centri urbani. E gli animali selvatici (per esempio i pipistrelli) sono ospiti perfetti per i virus, alcuni dei quali possono "saltare" l'ospite e passare agli esseri umani. Non solo: le prime vittime dell'urbanizzazione spinta sono i predatori, e la loro scomparsa permette ai roditori (altri ospiti ideali per virus zoonotici) di moltiplicarsi.

Andrà sempre peggio? Un altro grosso problema sono i metodi agricoli usati in queste aree, che per una gran parte delle popolazioni di Asia e Africa si basa ancora su sistemi di agricoltura e allevamento di sussistenza, con controlli sanitari ridotti o assenti.

Kuchipudi mette in guardia sul futuro: per il ricercatore la situazione non può che peggiorare, visto che l'urbanizzazione di Asia e Africa non accenna a rallentare. Secondo lui è solo questione di tempo prima che un altro coronavirus, o una qualche altra forma virale, esploda in queste regioni e cominci ad allargarsi al resto del mondo. «C'è urgente bisogno», scrive Kuchipudi, «di strategie contro la deforestazione e che riducano il contatto tra uomo e animali selvatici.»

22 marzo 2020 Gabriele Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us