Ecologia

Per la moda sostenibilità è dire no alle sostanze chimiche pericolose

E' quanto emerge da una ricerca svolta da Sustainbility-lab, condotta su 18 brand mondiali. Al secondo posto, a pari merito per interesse, si trovano la tracciabilità e l’assenza di pratiche crudeli verso gli animali o che minacciano la biodiversità.

Roma, 16 gen. - (AdnKronos) - La moda è sempre più green: dalla scelta delle materie prime, ai processi e alle tecnologie in uso, alla caratteristiche della supply chain. Ma la qualità ritenuta più importante è senza dubbio l'assenza di sostanze pericolose. E' quanto emerge da una ricerca svolta da Sustainbility-lab, condotta su 18 brand mondiali tra cui Armani Group, Mango,Marks & Spencer, Monnalisa, Puma, Salvatore Ferragamo e Vivienne Westwood.

Dovendo definire il concetto di sostenibilità i grandi marchi, dunque, non hanno dubbi e, tra le scelte, al primo posto svetta l'assenza di sostanze chimiche pericolose. Si tratta, infatti, di una caratteristica indispensabile per 14 marchi su 18, e considerata dai restanti 4 come un fattore che può fare la differenza nella scelta del fornitore. Al secondo posto, a pari merito per interesse, si trovano la tracciabilità e l’assenza di pratiche crudeli verso gli animali o che minacciano la biodiversità.

Entrambe le caratteristiche sono indicate come indispensabili dalla metà dei marchi (9 su 18) e considerate anche da altri 6 come fattori che possono fare la differenza nella scelta del fornitore. L’interesse per la tracciabilità riflette un bisogno di trasparenza, in un contesto di globalizzazione dei sistemi di fornitura. L’interesse per l’assenza di pratiche crudeli verso gli animali, uniformemente distribuito tra marchi del lusso, del mass market e dell’outdoor, testimonia invece una sensibilità alla valorizzazione della natura in tutte le sue forme.Al quarto posto si trova il fair trade, non inteso come certificazione, ma come approccio responsabile alla gestione della supply chain.

16 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us