Ecologia

Per gli italiani le aziende innovative sono quelle che puntano sulla sostenibilità

A tracciare il quadro è un sondaggio su innovazione e sharing economy, lanciato dall'Unione Nazionale Consumatori sul sito internet (www.consumatori.it) e attraverso i canali Facebook e Twitter (GUARDA L'INFOGRAFICA DEI RISULTATI )

Roma, 24 nov. - (AdnKronos) - Un'azienda per essere 'nuova' deve essere più sensibile ai temi della sostenibilità: ne è convinto il 42% degli italiani. Per il 30%, invece, dovrebbe "puntare su sharing economy e social network" mentre per il 28% dovrebbe "assumere giovani". A tracciare il quadro è un sondaggio su innovazione e sharing economy, lanciato dall'Unione Nazionale Consumatori sul sito internet (www.consumatori.it) e attraverso i canali Facebook e Twitter (GUARDA L'INFOGRAFICA DEI RISULTATI ).

Secondo Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione nazionale consumatori, "è il consumatore il vero protagonista dell'innovazione economica, sociale e tecnologica e, secondo i nostri dati, sembrerebbe che accetti di buon grado questo ruolo di prosumer: il 60% degli intervistati, infatti, si dichiara ‘entusiasta’ nei confronti del ‘nuovo’; per il 34% è ‘inevitabile' accettare nuovi modi di vivere e di acquistare e solo il 6% dei consumatori si dichiara, invece, ‘spaventato’".

Non sorprende, poi, che il mercato percepito come più innovativo sia quello legato al web: oltre il 50% degli intervistati, infatti, alla domanda "qual è il settore che fa più pensare al nuovo?", risponde "comunicazione, internet e social network", mentre il 34% "elettrodomestici, hi tech e domotica"; per il 13% degli utenti, infine, il settore più nuovo è relativo a "salute, benessere e food".

Chiedendo, poi, in che modo i consumatori si sentono nuovi, emerge una caratteristica fondamentale della new economy: la condivisione. Il 72% degli intervistati, infatti, risponde "acquisto online e mi piace commentare tutti i miei acquisti per aiutare altri consumatori". Un altro elemento da considerare è il rapporto tra risparmio e nuovi paradigmi di consumo: almeno una parte del successo dalla sharing economy è da ricondursi alla crisi (per cui pur di non rinunciare alla vacanza, all’auto o a mangiare fuori siamo disposti a condividere servizi) e la risposta alla domanda sui vantaggi della sharing economy lo dimostra.

Circa il 42% dei consumatori considera la possibilità di risparmiare, rispetto al commercio tradizionale, il più grosso vantaggio dell’economia condivisa (il 36% risponde che è vantaggioso "conoscere persone e fare esperienze di consumo innovative con la possibilità di dare un voto ad ogni fornitore", mentre per il 22% degli intervistati "potrebbe aiutare a creare posti di lavoro"). Quanto alle preoccupazioni legate alla sharing economy, le risposte confermano che c'è tanto da lavorare, soprattutto dal punto di vista normativo per rendere più sicuri i nuovi processi economici.

Quasi la metà dei consumatori (il 47%), infatti, risponde che "il rischio di affidarsi agli sconosciuti" è ciò che più spaventa della sharing economy; il 32% degli intervistati è scettico, considerandolo un "fenomeno di nicchia, riservato a pochi", mentre il 21% risponde di non accettare che "quello che paga non sia suo fino in fondo”.

“E' evidente che siamo di fronte ad una sfida soprattutto culturale -conclude Dona- e proprio di questo parleremo mercoledì in occasione del ‘Premio Vincenzo Dona’ con grandi esperti del settore".

24 novembre 2014 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us