Ecologia

Patrimonio immobiliare obsoleto, il settore punta sulla riqualificazione

Luca Dondi, direttore generale di Nomisma all'Adnkronos: "Da questa tendenza si ottengono vantaggi in termini di salubrità dell'aria e di una migliore vendibilità degli immobili"

Roma, 23 gen. (AdnKronos) - Un patrimonio immobiliare obsoleto che deve puntare sulla riqualificazione anche grazie a una politica di incentivi. Una direzione che porta vantaggi in termini di qualità della vita ed economici. Così Luca Dondi, direttore generale di Nomisma, racconta all'Adnkronos la situazione e le tendenze del patrimonio immobiliare italiano.

"E' un patrimonio assolutamente obsoleto in gran parte realizzato prima del 1971, per circa il 55%, e per oltre l'80% prima del 1991. Solo un parte residuale realizzata in epoca recente risponde a requisiti di efficienza e sostenibilità. Quindi l'intervento in termini di riqualificazione degli involucri ed efficientamento energetico è un elemento di primaria importanza per quanto riguarda le prospettive di crescita del settore", sottolinea Dondi.

Ora infatti si registra un'inversione di tendenza. Il mercato, che per il passato "è cresciuto soprattuto grazie alla realizzazione di nuovi immobili, necessariamente nei prossimi anni dovrà essere guidato dalla componente relativa a manutenzione e riqualificazione". "Sono fenomeni - spiega il direttore generale di Nomisma - che hanno già caratterizzato gli ultimi anni della crisi, in cui si è passati da un'incidenza in termini di fatturato superiore della parte di nuova realizzazione a un'incidenza superiore della parte di manutenzione straordinaria residenziale che oggi pesa per oltre 45 miliardi mentre quella di nuova realizzazione pesa meno di 20 miliardi di euro". E "l'orientamento verso la riqualificazione caratterizzerà il settore immobiliare nei prossimi anni".

Ma in cosa consiste? In pratica si tratta di interventi come il "rifacimento delle facciate, la sostituzione degli infissi, delle caldaie e di tutte le iniziative che riguardano sia la scatola, cioè l'esterno dell'unità abitativa, sia l'interno dal punto di vista dell'impiantistica con l'inserimento anche di elementi di efficienza energetica e di approvvigionamento da fonti sostenibili che non siano necessariamente fonti fossili", spiega Dondi.

In questa direzione "deve essere fatto un piano di intervento che assecondi un movimento che il mercato ha già avviato e irrobustisca la componente di riqualificazione rispetto a quella di nuova realizzazione. Gli incentivi fiscali hanno dato un buon impulso a questo mercato che però ha bisogno di essere continuamente alimentato perché le dimensioni del patrimonio obsoleto sono rilevanti - prosegue Dondi - se pensiamo solo agli immobili più vecchi e inefficienti abbiamo circa due milioni e mezzo di edifici che richiedono investimenti per circa 100-110 miliardi euro, possibili solo in una logica di continuità degli incentivi".

Da sottolineare i vantaggi che derivano da questa tendenza in termini di "salubrità dell'aria e di migliori condizioni di vita, grazie alle riduzioni delle emissioni" oltre che di "una migliore vendibilità degli immobili".

Anche le spese di intervento sono relative perché se è vero che "la riqualificazione comporta nell'immediato costi che hanno un orizzonte temporale di sei-sette anni per il rientro dell'investimento attraverso una riduzione delle bollette" è anche vero che i vantaggi in termini di qualità della vita "accorciano i tempi di ritorno" delle spese sostenute.

23 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us