Ecologia

Conferenza di Parigi: gli impegni dell'Unione Europea

Alla conferenza sul clima, la COP21, i partecipanti si presentano ognuno con un suo piano per mitigare il cambiamento climatico: ecco il piano dell'Europa.

È stata definita la posizione più avanzata tra quelle dei Paesi industrializzati. L'Unione Europea si è infatti impegnata, attraverso l'INDC (Intended nationally determined contribution) col quale partecipa alla conferenza sul clima, a diminuire entro il 2030 le sue emissioni del 40% rispetto a quelle del 1990. Tre numeri che dicono molto: vediamoli uno per uno.

Per l'Europa, il 1990 è l'anno di riferimento per il calcolo delle emissioni. Non è così per altri Paesi, come gli Usa, per esempio, che usano invece il 2005

1990. Era il periodo in cui le emissioni di gas serra erano molto elevate: le crisi economiche che avrebbero abbattuto l'uso dei combustibili fossili erano ancora lontane. Perciò prendere il 1990 per calcolare il proprio contributo all'abbassamento delle emissioni significa darsi un obiettivo molto ambizioso: i valori da abbassare sono molto alti.

Emissioni: -40% tra riduzioni, compensazioni e alternative energetiche

40%. Anche questo è un valore elevato, molto più di quanto non abbiano promesso altre nazioni. Questo numero è in realtà un mosaico di fattori, e uno dei più interessanti è la riduzione del 43% del cosiddetto ETS (emission trading system), un sistema che coinvolge industrie e trasporti europei e a sua volta utilizza il cosiddetto cap and trade. Quest'ultimo definisce un sistema di limitazione delle emissioni (cap) unito a un commercio delle emissioni (trade) tra industrie virtuose e quelle che non riescono a raggiungere l'obiettivo e che possono però "comprare" il permesso di emettere da chi ci è riuscito in eccesso. Per contro, gli "emettitori" che non aderiscono all'ETS devono abbattere le loro emissioni del 30%.

Più energie rinnovabili. Il contributo delle rinnovabili (eolico, fotovoltaico, geotermico) dovrebbe aumentare fino al 27% del fabbisogno di energia nell'Unione. Non sarà facile arrivare a questo obiettivo, perché la diffusione di queste tecnologie deve essere supportata da provvedimenti ad hoc dei singoli stati: incentivi e abbattimenti fiscali che rischiano di falsare il mercato, ed è perciò un equilibro complesso quello ancora da trovare. Anche l'efficienza energetica deve aumentare almeno del 27%, e questo sulla base della cosiddetta Direttiva sull'efficienza energetica.

L'anno che verrà, in questo caso, è il 2030

2030. È l'anno in cui queste "buone intenzioni" devono realizzarsi: sembrerebbe molto vicino, ma l'Unione Europea ha già in atto alcune direttive che portano in quella direzione, e si tratterebbe di applicarle a fondo e migliorarle.

Anche in questo caso, come è accaduto e forse accadrà nella discussione dei vari trattati, il raggiungimento degli obiettivi vedrà probabilmente ostacoli e dubbi da parte di alcune componenti della società che hanno poco da guadagnare dall'abbattimento delle emissioni, ossia dalla diminuzione dell'uso dei combustibili fossili.

1 dicembre 2015 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us