Ecologia

Orvieto e Tuscania contro l'eolico, a rischio storia e paesaggio

In progetto due impianti, davanti alla chiesa di San Pietro a Tuscania e vicino al Duomo di Orvieto. I sindaci dei due Comuni con 13 associazioni lanciano un appello a Mibact, Regione Lazio e Regione Umbria per impedirne la realizzazione

Roma, 7 mag. - (AdnKronos) - Tutti d'accordo sulle rinnovabili, ma mettereste mai un impianto fotovoltaico sul Colosseo? O delle pale eoliche nella Valle dei Templi? A porre la questione sono i sindaci di Tuscania e Orvieto che, sostenuti da ben tredici associazioni, lanciano l'allarme per il rischio che si realizzino due impianti eolici incompatibili con l'ambiente, il paesaggio e la storia di due luoghi di pregio: davanti alla chiesa di San Pietro a Tuscania e vicino al Duomo di Orvieto.

Niente contro l'energia rinnovabile, anzi, specificano i due sindaci, non è l'energia pulita ad essere in discussione, ma la mancata armonizzazione tra le tutele che derivano dagli articoli 9 e 32 della Costituzione, ed è per questo che lanciano al ministero per i Beni e le Attività Culturali, alle Regioni Lazio e Umbria, un appello da Roma, dove si sono incontrati oggi presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati: adottare gli strumenti necessari per impedire i progetti eolici di Tuscania e Orvieto, tutelando la bellezza e la storia di questi luoghi.

I primi cittadini e le 13 organizzazioni chiedono che l'Italia si doti di regole certe per regolare il rapporto tra impianti per le energie rinnovabili e il territorio, in modo che le vicende di questi due Comuni siano l'occasione per trovare finalmente l'auspicabile e giusta conciliazione tra le esigenze del paesaggio e della biodiversità e le preoccupazioni altrettanto legittime riguardanti la questione climatica.

"La nostra è la città del Duomo, emblema stesso del comune, il progetto degli impianti fotovoltaici è un'inutile barbarie che rischia di danneggiare in maniera irreversibile la visuale di uno dei duomi più belli d'Italia - dichiara Giuseppe Germani, sindaco di Orvieto - e questo accade in un momento in cui stiamo investendo milioni di euro in bellezza, paesaggio e turismo".

Nel caso di Orvieto, il progetto in fase di Via prevede la realizzazione sul Monte Peglia di due impianti di mega eolico per un totale di 18 torri alte 150 metri, ma anche ettari di cemento armato e nuove strade da realizzare nei boschi, km di cavidotti e di elettrodotti in zone fino ad ora intoccate.

Lo sfregio al panorama, denuncia il Comune, sarà visibile oltre che sullo sfondo del Duomo di Orvieto, da Perugia (Piazza d'Italia), da Todi (Chiesa della Consolazione) fino a 50 km di distanza, da 150 comuni. I consigli comunali di San Venanzo, Parrano e Orvieto, che sarebbero coinvolti dagli impianti, si sono pronunciati più volte contro questa "mega-industrializzazione della montagna".

Dello stesso avviso Fabio Bartolacci, sindaco di Tuscania, "la Maremma del viterbese", come la definisce lui.

"Abbiamo già adottato una delibera in Consiglio per dire no al progetto eolico e per chiedere alla Regione Lazio di legiferare in materia", aggiunge il primo cittadino.

Le associazioni che sostengono i due sindaci e l'appello sono Amici della Terra, AssoTuscania, Cts, Comitato per la Bellezza, Fai, Italia Nostra, Legambiente, Lipu-BirdLife Italia, Mountain Wilderness, Pro-Natura, Forum Salviamo il Paesaggio, Touring Club Italiano, Wwf.

7 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us