Ecologia

Nutrizione e fitness, la cultura del benessere si promuove in azienda

nasce il Wellness Center di American Express

Roma, 10 giu. - (AdnKronos) - Incentivare l’esercizio fisico e promuovere uno stile di vita sano in azienda fa bene alla salute ma anche alle performance e alla soddisfazione dei dipendenti. E' così che nasce il Wellness Center di American Express, punta di diamante del più ampio Healthy Living Program, che mira a migliorare la qualità della vita dei 1.100 dipendenti della propria sede romana.

Secondo una recente elaborazione del Centro studi del Coni, basterebbe ridurre di solo 1% la componente di popolazione sedentaria per ottenere 80 milioni di euro di risparmio incrementale annuo sulla spesa sanitaria e non sanitaria collegata alle patologie principali connesse all’inattività come malattie cardiovascolari, ictus, tumore al colon, tumore al seno e diabete tipo 2.

Lanciato per primo in Italia tra i Paesi del Sud Europa, Healthy Living Program è focalizzato su quattro tematiche principali: nutrizione, fitness, benessere emotivo e salute e ha lo scopo di promuovere una cultura del benessere attraverso consigli ed attività incentrate su uno stile di vita sano e responsabile. Il programma comprende l’accesso gratuito ad azioni di prevenzione e cura, attività di formazione dedicate ad una sana nutrizione e ad abbandonare comportamenti nocivi, come ad esempio il fumo.

In questo scenario il Wellness Center si configura come un’area in cui i dipendenti possono dedicarsi alla cura del proprio benessere fisico seguiti da istruttori professionisti anche attraverso percorsi personalizzati in base alle caratteristiche e alle esigenze di ognuno. La struttura prevede una sala macchine e una sala attrezzi, oltre ad un programma di corsi per attività a corpo libero.

“Circa un anno fa abbiamo inaugurato a nostra nuova sede progettata interamente per implementare lo smart working, l’apertura del Corporate Wellness Center è un’altra prova tangibile del nostro impegno per consentire a tutti di bilanciare la vita personale e professionale” ha commentato Melissa Peretti, Country Manager American Express Italia. “Siamo molto orgogliosi dei risultati che queste scelte ci stanno già portando non solo in termini di soddisfazione dei nostri dipendenti ma anche di ricaduta sula gestione del business”.

Dopo quasi un anno dall’inaugurazione della nuova sede, i risultati ottenuti in termini di produttività aziendale e impatto ambientale sono molto positivi: l’aumento del Work From Remote ha incrementato le performance del 66% e la soddisfazione dei dipendenti del 52%, mentre sono diminuite le ore di straordinario (-39%), i permessi (-7%) e le assenze per malattia (-35%). Inoltre l’utilizzo almeno di una volta alla settimana del lavoro da casa ha consentito un risparmio di 1.087 Kg di Co2 a settimana, 56.524 Kg all’anno.

Risultati che con la nuova iniziativa del Wellness Center dovrebbero crescere ulteriormente. Secondo uno studio presentato nel 2015 dall’American College of Sports Medicine, fare attività fisica per circa 30-60 minuti all’ora di pranzo, fa registrare un incremento produttivo del 15%, mentre il 60% dei lavoratori dichiara che le capacità di organizzazione del tempo, le prestazioni intellettive e le capacità di rispettare le scadenze migliorano nel giorno in cui si sono allenati.

Partner della cerimonia di inaugurazione, OneonOne del Gruppo Techongym che ha curato l’implementazione della struttura e che fornisce i trainer che si alternano nel Wellness Center di American Express, e Holy, il wellness drink vitaminico, con estratti naturali e minerali, con solo 3 calorie, utile non solo come integratore ma anche come anti-aging e detox, che accompagnerà i dipendenti dell’azienda per tutta la stagione estiva.

10 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us