Ecologia

Nucleare, Ispra assicura: "Standard di sicurezza adatti anche per i rifiuti ad alta attività"

Lamberto Matteocci dell'Ispra, spiega che il deposito nazionale “non è una bomba". Gli incidenti quindi sono da escludere. Si tratta di “una struttura statica e non dinamica composta da una serie di bidoni fatti molto bene” (CRITERI PER LA LOCALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO)

Roma, 3 apr. - (AdnKronos) - Nessun problema di sicurezza. Il deposito delle scorie nucleari, da solo, non può saltare in aria e gli standard di sicurezza individuati garantiscono anche per i rifiuti ad alta attività. A rassicurare sulle preoccupazioni legate alla struttura e ai rischi connessi è Lamberto Matteocci, responsabile del dipartimento nucleare dell'Ispra. (CRITERI PER LA LOCALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO)

Secondo la legge, il deposito nazionale per le scorie nucleari “consta di due componenti: uno di smaltimento di rifiuti a bassa e media attività di tipo superficiale, e quindi non geologico e uno di immagazzinamento provvisorio di lunga durata, ossia 50-100 anni, per i rifiuti alta attività che sono quelli correlati al trattamento dei combustibili irraggiati”.

Per questi rifiuti, spiega Matteocci all'Adnkronos, “c'è la necessità di trovare una collocazione. E' previsto da accordi internazionale. Non si può fare diversamente”. L'impianto quindi necessita di una struttura di smaltimento, per quelli a bassa e media attività, e una di stoccaggio per i rifiuti radioattivi ad alta attività. La struttura per lo smaltimento, spiega Matteocci, “è pensata nel lungo termine dalla quale i rifiuti non si dovranno rimuovere”. Per questo impianto “entrano in gioco tre componenti: il rifiuto come trattato, la struttura e la scelta del sito che non deve permette al rifiuto di entrare in contatto con la biosfera”.

Per lo stoccaggio temporaneo, invece, sottolinea Matteocci, “gran parte della sicurezza del deposito è assicurata dal progetto dei contenitori e dalla struttura. La scelta del sito è un elemento secondario agli altri aspetti”. Questo vuole dire che i criteri individuati per il deposito dei rifiuti a bassa e media attività sono addirittura più stringenti di quelli che entrano in gioco per la struttura di stoccaggio di quelli ad alta attività. E non solo. “La sicurezza dell'impianto dovrà essere dimostrata anche nel processo autorizzativo che dovrà essere fornito”.

Quanto ai possibili incidenti “sono da escludere” assicura Matteocci. Il deposito nazionale “non è una bomba come non lo è una centrale nucleare”. Si tratta di “una struttura statica e non dinamica composta da una serie di bidoni fatti molto bene”. L'Italia, conclude Matteocci, "ha bisogno di recuperare una cultura di informazione sul tema del nucleare".

3 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us