Ecologia

Nucleare, 300 mln l'anno per la gestione dei rifiuti radioattivi

Deposito rifiuti radioattivi, l'esperienza francese (VIDEO)

Roma, 2 ott. - (AdnKronos) - Per gestire i rifiuti radioattivi del nostro paese "si spendono 300 milioni di euro all'anno. Una tassa 'occulta' che si paga da decenni nella bolletta elettrica". Lo afferma all'Adnkronos, Stefano Vignaroli, deputato M5s e vicepresidente della commissione d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti che, insieme a Dorina Bianchi ha redatto la relazione sulla gestione dei rifiuti nucleari in Italia e sulle attività connesse. (Verso il deposito nazionale)

La relazione, approvata all'unanimità dalla commissione d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti, sarà presentata ai presidenti del Senato e della Camera nei prossimi giorni, per la successiva discussione in Parlamento. In particolare, la relazione sottolinea alcune criticità del sistema, ad iniziare dai ritardi dei governi "che si ripercuotono sull'anno successivo e che costano caro ai cittadini".

Secondo il deputato del M5s, "la riduzione del budget delle attività gestionali di Sogin comporta un importante ritardo nella fase di dismissione degli impianti nucleari italiani, con un aggravio della spesa pubblica". Attualmente, i rifiuti prodotti dallo smantellamento degli impianti nucleari e dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca, "sono sparsi in diversi siti", 22 per la precisione.

La situazione più critica è quella della ex Cemerad di Statte a pochi chilometri da Taranto "dove i rifiuti radioattivi sono abbandonati in un capannone arrugginito". In vista poi della scelta della costruzione di un deposito unico in un’area del territorio italiano, Vignaroli segnala anche i ritardi nella messa in funzione dell’Isin, l’Ispettorato nazionale per la sicurezza nucleare e la radioprotezione, per cui devono ancora essere nominati i vertici.

2 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us