Ecologia

Non solo "Cotone 100%", le provocatorie etichette che raccontano tutta la storia

La campagna di Canadian Fair Trade Network punta ad accendere i riflettori sulle condizioni dei lavoratori nel settore dell'abbigliamento e a sensibilizzare i consumatori perché scelgano il commercio equo e solidale

Roma, 26 mag. - (AdnKronos) - Un'etichetta che non si limita a riportare la dicitura “100% cotone”, ma che racconta anche la storia degli operai che in Bangladesh, Cambogia e Sierra Leone lavorano duramente in fabbriche dove non sempre i loro diritti vengono rispettati e la loro salute tutelata. E' la provocatoria iniziativa di Canadian Fair Trade Network con la campagna “L’etichetta non racconta tutta la storia”.

L'obiettivo è di accendere i riflettori sui temi nella produzione e fabbricazione di tessili e abbigliamento e sensibilizzare i consumatori circa la provenienza dei prodotti che acquistano. Come? Non limitandosi a indicare nell'etichetta che accompagna un capo di abbigliamento qual è la sua composizione, ma aggiungendo tutta la storia di chi quel capo lo ha realizzato. C'è la maglia "Made in Sierra Leone by Tejan", operaio che si è ammalato, lavorando per anni senza nessun tipo di protezione, e la diagnosi è stata di avvelenamento da pesticidi.

C'è il capo "Made in Cambodia da Behnly", giovane operaio di nove anni che si sveglia ogni giorno alle 5 del mattino per raggiungere la fabbrica dove lavora tutto il giorno in uno stanzone caldissimo e senza aria condizionata, immerso nella polvere, per guadagnare meno di un dollaro al giorno.

L'industria dell'abbigliamento rappresenta la più redditizia voce nell'esportazione della Cambogia, ma i lavoratori del settore lavorano per lo più sei giorni a settimana per arrivare a guadagnare circa 100 dollari al mese (dati Clean Clothes Campaign).

Non va meglio in Bangladesh dove, secondo i dati Oxfam, un salario minimo è di 68 dollari al mese. Qui, il tema delle condizioni dei lavoratori nelle fabbriche di abbigliamento è venuto alla ribalta in seguito al crollo dell'edificio Rana Plaza a Dhaka, il 24 aprile del 2013, una tragedia che ha provocato la morte di 1.129 persone.

Per questo ogni etichetta, realizzata per la campagna di sensibilizzazione, oltre alla storia dei lavoratori comprende anche questo messaggio: "E' tempo di cambiare. Un acquisto equo e solidale assicura che i lavoratori siano stati compensati in modo equo e non esposti a condizioni di lavoro non sicure".

26 maggio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us