Ecologia

No trivelle in Artico, Greenpeace blocca stazioni di servizio Shell a Zurigo

la manifestazione rientra nella campagna globale contro piani gigante petrolifero anglo-olandese

Roma, 30 giu. (AdnKronos) - Nuova manifestazione di Greenpeace contro i giganti petroliferi. Alle prime ore di questa mattina, un’ottantina di attivisti di Greenpeace hanno bloccato tutte le stazioni di rifornimento di Shell a Zurigo. La protesta non violenta, riferisce l'associazione ecologista, è parte della campagna globale contro i pericolosi piani del gigante petrolifero anglo-olandese, che domani potrebbe dare il via alla ricerca di idrocarburi nel mare Artico di Chukchi, in Alaska. Gli attivisti, provenienti da tutta Europa, Italia compresa, si sono incatenati alle pompe di benzina e dal tetto di una delle stazioni di servizio hanno aperto un grande striscione con il messaggio 'Stop Shell'. "Se Shell dovesse iniziare la ricerca di idrocarburi nell’Artico potrebbe devastare questo meraviglioso ecosistema, mettendo in pericolo le specie che vi abitano, come orsi polari e trichechi" afferma Nadine Berthel, responsabile della campagna Artico per Greenpeace Svizzera". "Non si può trivellare in modo sicuro nell’Artico: la questione non è se si verificherà uno sversamento di petrolio, ma quando accadrà. Per questo, -afferma ancora Berthel- sette milioni di persone da tutto il mondo hanno già fatto sentire la propria voce, chiedendo a Shell di restare fuori dall’Artico".

In maggio l’amministrazione Obama ha approvato i piani di Shell per cercare petrolio nel mare di Chucky, in Alaska. Da allora, tuttavia, la multinazionale petrolifera è stata costretta ad affrontare un movimento di opposizione sempre più vasto. Le estreme condizioni artiche, con giganteschi iceberg in movimento e mari tempestosi, "rendono estremamente rischiose le trivellazioni offshore. Lo stesso governo degli Stati Uniti -avverte Greenpeace- stima che ci sia il 75 per cento di probabilità di un ingente sversamento di petrolio. E gli scienziati affermano che, se dovesse succedere, sarebbe impossibile rimediare al danno, con pesanti conseguenze sulla fauna, unica e preziosa, dell’Artico". Già nel 2012, "un precedente tentativo di Shell di trivellare nell'Artico è stato costellato da molteplici carenze operative, culminate con l’incagliamento del suo impianto di perforazione. Altre compagnie petrolifere, come ConocoPhillips, Eni e il gigante petrolifero norvegese Statoil, -conlcude l'associazionae- hanno invece sospeso i loro piani di trivellazione nel mare Artico in Alaska".

30 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us