Ecologia

No Triv, le regioni deliberino per un referendum contro le trivellazioni in mare

Le regioni sono chiamate a deliberare a partire da martedì 15 settembre

Roma, 10 set. - (AdnKronos) - Un referendum per fermare i progetti petroliferi in mare, sbloccati dal Governo Monti nel 2012. È la proposta del coordinamento nazionale No triv, inviata a tutti i consiglieri regionali: se almeno cinque Regioni la delibereranno e depositeranno entro il prossimo 30 settembre, i cittadini potranno esprimersi sul referendum “In difesa dei mari italiani” a primavera 2016, senza il bisogno di raccogliere 500mila firme.

"
Senza questo referendum, svolto in tempi brevi, i procedimenti per progetti petroliferi riavviati dall’art. 35 del Decreto sviluppo e tuttora in corso arriveranno a compimento rapidamente, anche grazie all’accelerazione impressa da alcune norme dello Sblocca Italia", ha spiegato il Coordinamento durante la conferenza stampa oggi a Roma.

"La questione adesso è politica - ha spiegato all'AdnKronos, Enzo Di Salvatore, tra i fondatori dei No triv - da martedì 15 settembre cominceranno i vari consigli regionali per decidere sulla delibera. Basilicata, Abruzzo, Marche, Veneto, Puglia, sono le regioni più interessate dai procedimenti di trivellazione, che si svolgono entro le 12 miglia dalla linea di costa, nel Mare Adriatico addirittura si arriva alle 5 miglia".

Il 2 settembre il coordinamento No triv, 181 associazioni aderenti tra cui Legambiente e oltre un centinaio di personalità della cultura e della politica hanno sottoscritto una lettera inviata alle Regioni per invitare i consigli a deliberare sul referendum abrogativo. "La grande partecipazione di persone ed entità esterne al coordinamento dimostra che non si tratta di una bizzarra richiesta di 'quattro comitatini' - ha commentato Di Salvatore - ma di una mobilitazione trasversale che tocca in profondità i mari e le regioni italiane".

11 settembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us