Ecologia

Negli armadi del futuro gli eco-jeans davvero "verdi"

Un nuovo processo produttivo potrebbe far risparmiare il 92% di acqua e il 30% di energia: una piccola rivoluzione per un capo molto diffuso e altrettanto inquinante.

Tutti ne abbiamo almeno un paio nell'armadio. Eppure è difficile immaginare un capo d'abbigliamento meno sostenibile: per produrre un solo paio di jeans occorrono poco meno di 9500 litri d'acqua, utilizzati per immergere la stoffa in ben 15 vasche di tintura all'interno delle quali questi pantaloni acquistano il loro caratteristico colore. Aggiungete grandi quantità di additivi chimici e acque di scarto, quindi moltiplicate per i 2 miliardi di jeans prodotti ogni anno nel mondo. Avrete così un'idea di quanto inquini uno degli status symbol della moda globale.

Sai quanta acqua consumi? Scoprilo con un test
Guarda anche lo spreco che non si vede: i numeri dell'impronta idrica globale

Ma un modo per produrre jeans "verdi" (non nel colore) esiste, ed è stato presentato a Washington nel corso della recente conferenza «Green Chemistry & Engineering», sostenuta dall'American Chemical Society. Il processo, chiamato Advanced Denim e sviluppato dalla multinazionale chimica Clariant situata in Svizzera, prevede l'utilizzo di una sola vasca di tintura e tinte di nuova generazione composte da zolfo liquido concentrato e additivi a base di zucchero. Grazie a questa tecnica, tutte le altre fasi della produzione vengono eliminate, con un risparmio, per un paio di jeans, del 92% di acqua e del 30% di energia rispetto alle lavorazioni tradizionali.

Abiti antismog, vestiti a base di latte, magliette compostabili: cosa indosseremo nel futuro?

Il processo produce anche minori scarti di lavorazione: «circa l'87% in meno di rifiuti di cotone, che solitamente vengono bruciati immettendo anidride carbonica in atmosfera», come ha spiegato Miguel Sanchez, ingegnere tessile della Clariant che ha presentato il progetto. «Se solo il 25% dei jeans mondiali fosse tinto con questa tecnologia» ha specificato Sanchez, «si risparmierebbe acqua a sufficienza per coprire il fabbisogno di 1,7 miliardi di persone, prevenire il rilascio di 8,3 milioni di metri cubi di acque di scarto e risparmiare fino a 220 milioni di kWh di elettricità, eliminando il rilascio di una corrispondente quantità di emissioni di anidride carbonica ogni anno».

Che cosa ne pensate? Il tema della sostenibilità dei capi acquistati vi interessa come consumatori?
Un'altra proposta a proposito di vestiti e green life: e se smettessimo di stirare?

4 luglio 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us