Ecologia

Mobilità sostenibile, gli italiani chiedono mezzi pubblici efficienti e più piste ciclabili

E' quanto emerge dall'indagine realizzata dall'istituto Piepoli per Anci

Roma, 19 giu. - (AdnKronos) - Sempre meno italiani usano l'auto ma mezzi pubblici più efficienti, più piste ciclabili e più parcheggi di scambio. Sono alcuni dei dati emersi dall'indagine sulla mobilità sostenibile nelle maggiori città italiane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Bari, Bologna, Genova, Venezia, Reggio Calabria e Catania) realizzata dall'Istituto Piepoli per Anci e presentata oggi a Catania.

Al primo posto, nella lista dei desideri degli italiani intervistati c'è il miglioramento del trasporto pubblico urbano (67%), seguito da più piste ciclabili (36) e più parcheggi scambiatori (28). Solo il 41% utilizza la tecnologia per informarsi sulla mobilità (app viabilita e parcheggi) dal proprio smartphone, anche se l'82% degli intervistati ritiene il servizio utile. Consultati sul carsharing (noleggio auto a tempo in citta) il 76% dice di conoscere il servizio, il 64% lo ritiene utile.

Analogo riscontro sul bike sharing (noleggio bici a tempo in città con il 75% di italiani che conoscono questa opportunità, laddove esiste, e il 67% degli stessi che la ritiene utile. Idem il car pooling (condivisione con più utenti/colleghi di lavoro di un'auto privata) con il 71% di cittadini affascinanti dalla prospettiva di viaggiare in compagnia condividendo tempo e spese. Anche se una certa diffidenza sui potenziali compagni di viaggio sembra al momento scoraggiare l'iniziativa: il 24% dice infatti di essere disposto a condividere il viaggio solo se conosce i compagni; mentre il 32% afferma di non volerlo fare in alcun caso.

Bici - Il 76% degli intervistati non usa mai la bici per spostarsi in città. A fronte di un 5% che la sua quotidianamente e di un 2% di lavoratori che la usa nei feriali (dal lunedì al venerdì).

Mezzi pubblici - Il 34% degli italiani afferma di essere disposto a utilizzare di più i mezzi pubblici se fossero più puntuali; il 22% invece dice che non li userebbe in nessun caso. E fra i motivi del rifiuto il 34% indica le attese troppo lunghe o la troppa folla (28%). Lo stesso campione del sondaggio, sulla frequenza con cui usa i mezzi pubblici, dice di non utilizzarli mai (23%), due/tre volte a settimana (21%), una volta al mese (19%), tutti i giorni (15%).

Ztl - Alla domanda sul possibile ampliamento delle Ztl, gli italiani si son detti favorevoli per il 65%, contrari per il 35%. Più convinti per la loro collocazione nel centro storico (favorevoli 83%, contrari 17%). A sostegno di questa propensione per le Ztl,la preoccupazione per l'inquinamento acustico e atmosferico in città. Quasi il 90% degli italiani intervistati (88%), infatti, confessa di essere "molto preoccupato" per i dati sullo smog e il rumore in città.

Solo il 12% sembra disinteressato al problema.

Auto privata - E diminuisce progressivamente in Italia l'uso dell'auto privata. Rispetto a 5 anni fa il 27% degli italiani usa meno la propria automobile. Rispetto a un anno fa il dato è -19% (dato che risulta dal saldo fra aumento e diminuzione dell'uso del mezzo). Il 59% dei cittadini intervistati possiede una sola auto, il 22% ne ha due. E il 75% di loro afferma di trascorrere in auto meno di un'ora al giorno. Il 38% usa la propria auto per ragioni di lavoro e studio, il 21% per appuntamenti di lavoro, il 21% per fare acquisti. Mentre per spostarsi in città il 41% utilizza i mezzi (bus, tram, metro), il 40% la propria auto, l'8% lo scooter, il 4% la bici, mentre il 7% va a piedi.

Mezzi ibridi - Solo il 19% degli intervistati possiede un'auto ibrida, elettrica, a metano o gpl. Equamente suddiviso l'interesse verso il mezzo di trasporto ecologico: il 51% si dice disposto ad acquistarlo, il 49% non è invece interessato.

Il campione intervistato è rappresentato al 35% da nuclei familiari di 2 persone, 24% di 3, il 22% di 4 persone. Il 39% degli intervistati ha più di 45 anni, il 25% è over 65. Le donne sono il 53% del campione, i maschi il 47%.

19 giugno 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us