Ecologia

Mobilità e tempo libero, gli italiani vorrebbero la bici elettrica

Roma, 14 giu. - (AdnKronos) - L’88% degli italiani acquisterebbe una bici elettrica per il proprio tempo libero e per farlo è disposto a spendere fino a 1.000 euro (64% circa). Lo rileva una ricerca realizzata da OnePoll per Shimano, il brand giapponese di componentistica e tecnologia per biciclette, che ha coinvolto un campione di 1000 persone, dai 15 anni in su, residenti in Italia. Ma qual è il motivo principale che spingerebbe a comprare e utilizzare un’e-bike? Il 56% vorrebbe adoperarla per coprire lunghe distanze, evitando così di utilizzare la propria auto o i mezzi pubblici spesso affollati, mentre il 36% la considera una buona palestra per tenersi sempre attivo e in movimento.

Inoltre, gli intervistati ammettono che il più grande vantaggio dell’e-bike è di pedalare senza stancarsi (25%), mentre il 20% la apprezza perché può andare più veloce di una normale bicicletta. Quanto al futuro, secondo il 48% le e-bike sostituiranno altri veicoli a motore, come per esempio i motorini, e saranno anche l’alternativa più diffusa ai mezzi pubblici; per il 38% diventeranno un sostituto della bicicletta “classica”, mentre il 14% ritiene che in futuro non ci sarà alcun cambiamento rispetto a come sono percepite ora.

“La scommessa per il futuro è la bici elettrica”, commenta Ilaria Deidda, Marketing Manager di Shimano Italy Bycicle Components srl che aggiunge: "il nostro sistema per biciclette elettriche a pedalata assistita è pensato per rispondere a qualsiasi esigenza sociale e ambientale e per garantire il massimo in termini di prestazioni e affidabilità. L’e-bike garantisce il benessere e la salute sia della persona attraverso l’attività fisica che della comunità perché rende le città molto più vivibili. Dal bike sharing alla bici elettrica, questa è la nuova frontiera della mobilità sostenibile”.

14 giugno 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us