Ecologia

Miniferro per l'ambiente

Nanoparticelle che ripuliscono siti contaminati: l'ultima incarnazione del ferro.

Miniferro per l'ambiente
Nanoparticelle che ripuliscono siti contaminati: l'ultima incarnazione del ferro.

Le discariche di prodottichimici potebbero essere 'ripulite' dalle nuove nanoparticelle di ferro.
Le discariche di prodottichimici potebbero essere "ripulite" dalle nuove nanoparticelle di ferro.

Una polvere di ferro ultrafine è, secondo un ingegnere ambientale dell'università di Lehigh, negli Stati Uniti, il metodo migliore per ripulire discariche di materiali pericolosi e depositi di sostanze contaminanti. L'ingegnere Wei-xian Zhang ha studiato per otto anni le proprietà delle nanoparticelle di ferro, e si è accorto che hanno una caratteristica molto particolare; quando si ossidano, cioè arrugginiscono, in presenza di contaminanti come trielina, diossine e PCB (un composto presente nei trasformatori che inquina moltissimo) queste minuscole particelle “afferrano” le molecole organiche e le rompono, trasformandole in composti molto meno inquinanti. In presenza di velenosi metalli pesanti, invece, le nanoparticelle le ossidano e le trasformano in composti insolubili, che rimangono nel terreno senza entrare nella catena alimentare.
Le proprietà del ferro erano già conosciute, e infatti molte aziende utilizzavano la limatura di ferro per neutralizzare i propri inquinanti, ma queste nanoparticelle, che hanno un diametro fino a 0,0001 millimetro, sono molto più reattive e veloci e possono penetrare molto più a fondo nel suolo. Alcuni test di laboratorio hanno già confermato le caratteristiche delle nanoparticelle di ferro, e hanno dimostrato che esse rimangono attive anche 6-8 settimane. Se a questo si aggiunge che il costo di produzione delle nanoparticelle è diminuito moltissimo, Zhang conclude che è giunto il momento di iniziare a far entrare il nanoferro anche nel business della decontaminazione.

(Notizia aggiornata al 12 settembre 2003)

11 settembre 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us