Minacce alle antiche piante

Una stirpe di vegetali antichissimi minacciata dagli architetti paesaggisti

200378173857_14
|

Minacce alle antiche piante
Una stirpe di vegetali antichissimi minacciata dagli architetti paesaggisti

 

Il cono di una cycadacea (Encephalartos longifolius) tra le foglie. Le cicadacee sono gimnosperme come pini e abeti.
Il cono di una cycadacea (Encephalartos longifolius) tra le foglie. Le cicadacee sono gimnosperme come pini e abeti.

 

Sono tra le piante più primitive esistenti sulla Terra, ma questo non le salva dell'estinzione. Le cicadacee sono antiche gimnosperme (parenti quindi di pini e abeti) che risalgono a circa 300 milioni di anni fa. Sono presenti nei paesi tropicali, e il commercio per piante da giardino è la minaccia più grande. Lo descrive un rapporto della World Conservation Union, l'Unione internazione della conservazione della natura. Ci sono circa 297 specie di cicadacee, e le loro dimensioni variano da piccole piante simili a felci e grandi alberi che crescono nelle foreste tropicali. Di queste, ben il 53 per cento è minacciato di estinzione. Oltre alla raccolta di piante per “abbellire” i giardini o i parchi, le altre minacce provengono dalle miniere, dalla distruzione dell'ambiente e dalla medicina naturale, che le considera importanti fonti di farmaci.
Poiché le cicadacee sono piante dai sessi separati e si riproducono poco frequentemente, sarebbe necessario riuscire a proteggere gli individui di maggiori dimensioni, quelli più ricercati dagli architetti del paesaggio. Per questo in Sud Africa alcune di queste piante sono già state dotate di microchip che permette di seguirne gli eventuali spostamenti.

(Notizia aggiornata al 27 luglio 2003)

 

8 luglio 2003