Ecologia

Un mare di plastica: numeri da capogiro nei tessuti di balene e delfini

Un gruppo di ricercatori ha trovato microplastiche nei tessuti grassi e polmonari di balene e delfini: la maggior parte sono resti di vestiti e di bottiglie, ingeriti durante i pasti e non defecati.

Oltre 170 migliaia di miliardi: questa la quantità stimata di frammenti di plastica che galleggiano in superficie nei nostri oceani, secondo un recente studio. Il problema è che la plastica non si limita a inquinare il mare, ma viene spesso ingerita dagli animali che lo abitano: una ricerca pubblicata su Environmental Pollution ha infatti rilevato la presenza di microplastiche nei polmoni e nei tessuti grassi di due terzi dei mammiferi marini analizzati.

Plastica lipofila. I campioni studiati appartengono a 32 animali allevati o arenatisi tra il 2000 e il 2021 in Alaska, California e Carolina del Nord. La plastica è lipofila, ovvero ama il grasso, e per questo si ritiene sia attratta dal grasso di balena che i cetacei hanno sottopelle, dal melone, l'organo che hanno al centro della fronte, e dai cuscinetti di grasso presenti nella loro mascella inferiore.

Lo studio, oltre a questi tre tipi di tessuti adiposi, ha analizzato anche quelli polmonari: le microplastiche sono state ritrovate ovunque. I frammenti misuravano dai 198 ai 537 micrometri (un capello umano è spesso mediamente 75 micrometri).

Tipi di plastica trovati. I frammenti più comuni ritrovati nei tessuti sono state le fibre di poliestere, spesso provenienti dalle nostre lavatrici che "consumano" i capi che laviamo, e il polietilene, che si trova nelle bottiglie di plastica. Il colore dei frammenti era quasi sempre blu.

Secondo uno studio del 2022 una balenottera azzurra, la cui alimentazione si basa su un processo di filtrazione del cibo, potrebbe ingerire 43 chili di plastica al giorno mentre si nutre. Anche le balene e i delfini che si nutrono di pesci e altri organismi più grandi potrebbero ingerire la plastica accumulata nelle loro prede. «La maggior parte delle microplastiche probabilmente viene espulsa attraverso le feci, ma una parte finisce nei tessuti di questi animali», spiega Greg Merrill, coordinatore dello studio, che sottolinea che questa cosa succede da almeno vent'anni, visto che alcuni dei campioni analizzati sono del 2000.

Il prossimo passo della ricerca è effettuare dei test tossicologi su delle linee di cellule coltivate a partire dal tessuto di una balena sottoposto a biopsia, per verificare quanto è pericolosa la presenza di plastica.

27 agosto 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us