Ecologia

Meno metano nell'atmosfera

I dati sulle emissioni di metano tra il 1999 e il 2002, tra ottimismo e perplessità.

Una nota positiva in occasione della Conferenza delle parti n° 9, la cosiddetta Cop 9 (19-30 maggio 2008), il tavolo che riunisce i Paesi firmatari del protocollo di Kyoto.

Secondo Ed Dlugokencky, del Noaa (National Oceanic and Atmospheric Administration), le misure prese da 43 stazioni in tutto il mondo dimostrano che il metano ha smesso di aumentare in atmosfera in un periodo che va dal 1999 al 2002.

Il dato è importante, perché dopo l'anidride carbonica (CO2) il più importante tra i gas serra, ossia quelli che causano il riscaldamento globale dell'atmosfera, è proprio il metano, con un contributo del 20%. Le ragioni del rallentamento non sono tuttavia chiare: Dlugokencky ritiene che sia dovuto sia alla diminuzione della produzione industriale e dell'estrazione di metano e petrolio nei paesi del blocco ex-sovietico, sia ai progressi nelle tecnologie di trasporto del metano, che hanno ridotto le perdite dai metanodotti.

L'ottimismo del Noaa non è però condiviso dall'intera comunità scientifica: molti esperti ritengono che le conclusioni dello studio non siano corrette. Alcuni contestano il metodo e i dati, affermando - sulla base di rilevazioni e modelli differenti - che il metano sia in realtà ancora in aumento nell'atmosfera. E, in generale, non considerano queste proiezioni un trend consolidato: perché per ricominciare il rilascio del gas basta poco, affermano, come l'aumento dei consumi e dell'estrazione di petrolio e metano da parte dei Paesi del Terzo Mondo e in via di Sviluppo.

3 dicembre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us