Ecologia

Mangiare meno carne riduce le morti per inquinamento

Passare a una dieta povera di carne e ricca di prodotti vegetali potrebbe evitare 200.000 morti precoci dovute a un eccesso di inquinanti atmosferici.

Se nutrirvi in modo più sano rientra tra i buoni propositi per l'anno nuovo, ecco una ragione in più per prediligere una dieta povera di carne e ricca di frutta e verdura. Ridurre i prodotti di origine animale ha un impatto importante sulla qualità dell'aria che respiriamo e potrebbe evitare fino a 236.000 morti precoci all'anno, dovute soltanto all'inquinamento atmosferico. La stima arriva da uno studio pubblicato su Nature Communications.

L'impatto degli allevamenti. Secondo l'OMS nel 2019 quattro milioni di persone sono morte prematuramente a causa dell'inquinamento dell'aria all'aperto. Le emissioni di origine agricola sarebbero responsabili di circa un quinto di questi decessi. Oltre a originare metano (CH4), protossido di azoto (N2O) e, sebbene in misura minore, anidride carbonica (CO2), l'allevamento intensivo di animali da carne rilascia nell'aria ammoniaca, prodotto residuo dei reflui di origine zootecnica.

Questa sostanza reagisce con altri inquinanti dando origine al particolato atmosferico, in particolare a quello di diametro inferiore a 2,5 micrometri (µm), che penetra nel sangue attraverso le vie respiratorie inferiore e dà luogo a problemi cardiovascolari, metabolici e polmonari.

Questione di scelte. Secondo gli autori dello studio, coordinato dall'Environmental Change Institute dell'Università di Oxford, semplicemente adottando una dieta flexitariana (cioè un'alimentazione a base vegetariana che non escluda carne e pesce, ma li preveda in quantità moderate) si potrebbero evitare globalmente 100.000 morti precoci, soltanto attraverso il miglioramento della qualità dell'aria. I benefici sarebbero più evidenti nelle aree a vocazione agricola e con alte concentrazioni di allevamenti animali, come Belgio, Olanda, Italia settentrionale, sud della Cina e Stati Uniti centro-occidentali. 

Possiamo fare la differenza. Se tutti quanti optassero per una dieta vegana - una scelta che per altri aspetti se effettuata collettivamente risulterebbe non ottimale per la salute del Pianeta - le morti precoci per inquinamento dell'aria scenderebbero ancora, portandosi a oltre 200.000 all'anno. In Europa e in Nord America, questa opzione ridurrebbe le morti premature da smog di circa il 20%. Uno spunto importante, in un periodo dell'anno in cui si riflette sul proprio stile di vita.

6 gennaio 2024 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us