Ecologia

Make up perfetto e cruelty-free, quando bellezza fa rima con natura

Dal primer al rossetto, le alternative 'green' si moltiplicano e garantiscono un risultato impeccabile. La make-up artist vegan: "il mio trucco senza conservanti, siliconi, parabeni e petrolati".

Roma, 12 gen. - (AdnKronos) - Impeccabile e, allo stesso tempo, ecologico, biologico, cruelty-free. E' il make up che dice 'sì' agli ingredienti naturali, non testati sugli animali, e 'no' a conservanti, siliconi, parabeni e petrolati . Così si tutelano l'ambiente, gli animali e la pelle. Parola di make up artist vegana: Diletta Saviozzi, nei suoi corsi, spiega alle donne che un trucco può essere perfetto anche se naturale e perché è importante scegliere tra i prodotti che dichiarano esplicitamente di non ricorrere ai test sugli animali.

Lo stop a questo tipo di test imposto dalla Comunità Europea si può facilmente aggirare, spiega nelle sue lezioni, basta affidare i test dei prodotti finiti e degli ingredienti a un laboratorio di ricerca farmaceutico perché la sperimentazione è vietata solo per le case cosmetiche, non per quelle farmaceutiche. Sceglie quindi prodotti naturali e assicura: “le aziende del settore hanno fatto passi da giganti e ora si può ottenere un trucco perfetto, completamente naturale ma a lunga durata e in grado di apportare benefici alla pelle migliorandone l'aspetto”, spiega all'Adnkronos.

Segreti di bellezza riservati non solo a chi ha già fatto una scelta di vita vegana, ma anche a chi ha pelle sensibile o soffre di acne o arrossamenti. Ed ecco, passo dopo passo, come realizzare un perfetto trucco, rigorosamente vegan.

Si parte dal primer “che nella versione tradizionale è uno dei prodotti a maggior contenuto di siliconi – spiega la make up artist vegana – sono questi a conferire l'effetto liscio, ma lo fanno ostruendo i pori. Così, impediscono a eventuali ingredienti idratanti del fondotinta di penetrare nella pelle, senza contare poi che sono difficili da eliminare e il rischio è quindi di occludere i pori e irritare la pelle”. Oggi esistono varianti "veg" e senza siliconi, più leggere, traspiranti e in grado di migliorare l'aspetto della pelle preparandola al make up.

Fondotinta: “in quelli tradizionali la paraffina liquida è uno degli ingredienti principali dopo l'acqua”, spiega la make up artist che consiglia le alternative “eco”: ne esistono ormai di tutti i tipi, liquidi o minerali in polvere, molto coprenti o modulabili, in grado di garantire una lunga tenuta, soprattutto se abbinati a terre e ciprie alle ceramidi vegetali o di riso, così come i correttori, per imperfezioni o per occhiaie, ricchi di oli (jojoba, mandorle dolci...).

Non mancano poi gli illuminanti e gli ombretti in formula naturale, senza siliconi, petrolati, parabeni, pegs, ftalati, edta. E poi matite e rossetti, mascara e blush.

L'offerta è ampia e per tutte le tasche: come per la cosmetica tradizionale, ci sono linee di prodotti di ogni genere, dalle più economiche a quelle di lusso. Ma prezzo a parte, come scegliere? “Più che affidarsi a simboli e certificazioni, il mio consiglio è quello di leggere sempre l'Inci, la lista degli ingredienti riportata in etichetta. Basta scaricarsi dal web l'elenco delle sostanze dannose e consultarlo quando si fa un acquisto”.

Secondo consiglio: non affidarsi al caso. La cosmetica naturale va personalizzata, scegliendo i prodotti più adatti al tipo di pelle, giovane, matura, grassa o secca. “Potrebbe essere necessario fare qualche prova, ma una volta trovati i prodotti giusti non solo si ottiene un make up perfetto ma la pelle migliorerà il suo aspetto nel tempo”, assicura la make up artist.

Il prossimo appuntamento con i corsi di "make up cruelty free" è fissato per il 24 gennaio (presso il negozio di alimenti biologici, cosmetici e prodotti di bellezza Bolle Verdi di cascina, in provincia di Pisa).

12 gennaio 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us