Ecologia

Le luci delle città allungano la stagione dei pollini

Le luci artificiali delle città alterano il ciclo di sviluppo delle piante: le foglie sbocciano in anticipo in primavera e cambiano colore in ritardo in autunno. Con buona pace degli allergici...

L'inquinamento luminoso delle nostre città non disturba solo gli animali, ma anche le piante: secondo uno studio pubblicato su PNAS Nexus, le luci artificiali notturne alterano i ritmi circadiani delle piante, allungando in molti casi la stagione dei pollini e il periodo di starnuti e occhi arrossati per gli allergici. «L'impatto è significativo», sottolinea Yuyu Zhou, uno degli autori: «negli Stati Uniti la luce artificiale anticipa notevolmente gli eventi fenologici (ovvero relativi allo sviluppo delle piante, ndr) primaverili e ritarda quelli autunnali».

La colpa è di ALAN. Lo studio ha analizzato i dati satellitari riguardanti le luci artificiali notturne, in inglese chiamate con l'acronimo ALAN (artificial light at night), di diverse città statunitensi tra il 2012 e il 2016. Confrontando questi dati con i cambiamenti stagionali delle piante osservati in circa 3.000 luoghi urbani, gli esperti hanno concluso che ALAN faceva anticipare di circa nove giorni la nascita di nuovi germogli fogliari in primavera, e ritardare di circa sei giorni la colorazione delle foglie in autunno.

Isola di calore
Da tempo Yuyu Zhou studia gli effetti dell’urbanizzazione sull’ambiente circostante: oltre a cercare di capire in che modo l’effetto isola di calore (il caldo intrappolato nelle città) influisce sui cicli stagionali delle piante, l’esperto ha analizzato come i cambiamenti nelle concentrazioni atmosferiche di CO2 e nella disponibilità di acqua e nutrienti alterano i processi vegetali negli ambienti urbani. © ValentinaKru | Shutterstock

Luci e caldo. Studiare l'interazione tra urbanizzazione e fenologia floristica permette anche di capire che impatto abbiano i cambiamenti climatici sulle piante: l'associazione di ALAN e temperature sempre più alte nelle città, per esempio, fa sì che lo sviluppo primaverile delle piante urbane arrivi sempre prima.

Studiare più a fondo l'interazione tra luci artificiali e temperature e capirne gli effetti è fondamentale per sapere cosa aspettarsi dal futuro e prepararsi di conseguenza: «Gli ambienti urbani possono servire come laboratori naturali per studiare la risposta delle piante ai cambiamenti climatici», conclude Zhou.

6 luglio 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us