Ecologia

Useremo lombrichi al posto dei fertilizzanti?

I nutrienti prodotti dai lombrichi possono sostituire efficacemente parte dei fertilizzanti chimici, perché penetrano nel terreno velocemente e al momento giusto.

Da tempo si cerca un'alternativa ecologica ai fertilizzanti chimici e sintetici, che a lungo andare acidificano il terreno ed emettono gas serra inquinanti: dopo i batteri sperimentati in Andalusia, ora una soluzione sembra arrivare dai lombrichi, che arricchirebbero rapidamente il suolo con l'azoto e il carbonio che producono.

Il ruolo di questi vermi nella fertilizzazione del terreno non è una novità: fino ad oggi, però, si pensava che l'assorbimento dei nutrienti fosse un processo lento e cumulativo. Uno studio pubblicato su Soil Biology and Biochemistry evidenzia invece che i nutrienti prodotti dai lombrichi penetrano nel terreno molto velocemente.

Assorbimento rapido. I ricercatori, durante test condotti sia in laboratorio sia sul campo, hanno tracciato il percorso di azoto e carbonio dai lombrichi al suolo, ai semi di frumento e ai pidocchi delle piante (o afidi), scoprendo che venivano assorbiti dagli afidi ad appena due ore dal rilascio in condizioni di laboratorio, e dopo 24 ore in condizioni reali. «Finora pensavamo che il processo implicasse una lenta decomposizione e un ciclo microbico», spiega Olaf Schmidt, uno dei ricercatori, «ma i nostri esperimenti hanno dimostrato che azoto e carbonio possono spostarsi molto rapidamente dagli animali alle piante.»

Sincronizzati. L'aspetto interessante è che l'attività dei lombrichi è naturalmente sincronizzata con quella delle coltivazioni, principalmente a causa di fattori ambientali, come la temperatura dell'aria e l'umidità. I lombrichi rilascerebbero quindi l'azoto esattamente quando le piante ne hanno bisogno, cosa che non avviene con i fertilizzanti sintetici o minerali, che a volte vengono dati in momenti sbagliati (quando fa troppo freddo o il clima è troppo secco), provocando inutili e dannose infiltrazioni nel terreno ed emissioni in atmosfera.

«Tutte le forme di azoto derivate dalla natura sono vantaggiose dal punto di vista economico e ambientale, e per questo dovremmo farne maggiore uso», sottolinea Schmidt: «con questo non voglio affermare che i lombrichi sostituiranno tutti i fertilizzanti organici e minerali, ma che il loro utilizzo potrebbe sostituire quello di alcuni fertilizzanti, costosi in termini ambientali ed economici.»

14 marzo 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us