Ecologia

Lombardia, Veneto e Lazio: qui le aziende puntano sull'efficienza energetica

Tra le città, il maggior numero di imprese "bianche" si registra a Milano e Roma, seguite da Napoli e Torino. Lo rileva Avvenia dedicando uno studio all'efficienza energetica

Roma, 2 apr. - (AdnKronos) - La cultura aziendale dell'efficienza energetica si sta diffondendo in tutte le regioni italiane, ma è al nord che si è affermata di più: si trova qui, infatti, la metà (180mila aziende) delle 360mila imprese che hanno fatto dell'efficienza energetica una priorità aziendale, di cui 100mila nel nord-ovest e 80mila nel nord-est. Lo rileva Avvenia secondo la quale un'altra parte importante delle imprese "bianche" sono dislocate nel sud Italia (100mila), mentre al centro ce ne sono 80mila.

Analizzando i dati a livello delle singole regioni, Lombardia, Veneto e Lazio si piazzano sul podio. A collocarsi al primo posto è proprio la Lombardia con oltre 66mila aziende che hanno fatto dell'efficienza energetica una priorità aziendale, seguono il Veneto con 39mila imprese; il Lazio con 34mila; Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana, Campania e Puglia, rispettivamente con 30, 27, 26, 22 e 21mila imprese. Bene anche la Sicilia con 20mila e le Marche con 11mila imprese.

A livello provinciale, al primo posto ex aequo si piazzano Roma e Milano con oltre 20mila imprese "bianche" ciascuna, seguite da Napoli (14mila) e Torino (poco più di 12mila). A dare un ulteriore contributo all'affermazione di una cultura aziendale dell'efficienza energetica, secondo Avvenia è stata la nuova norma sulle Diagnosi Energetiche Obbligatorie (Deo) che impone alle grandi imprese specifici obblighi in materia di efficienza energetica. A doversi sottoporre entro il 5 dicembre 2015 a un primo audit, da ripetersi poi ogni 4 anni, sono le realtà produttive più energivore, ma anche tutte le altre aziende stanno diventando più sensibili a questa tematica.

2 aprile 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us