Ecologia

L'isola preferita dai mammiferi

È Luzon, nelle Filippine: vanta la maggiore concentrazione di mammiferi unici al mondo, che trovano in questo habitat un rifugio sicuro.

Le isole sono spesso tesori di biodiversità, e luoghi in cui l'evoluzione sembra procedere a ritmo accelerato. Ma Luzon, la maggiore isola delle Filippine, lo è ancora più di altre: in base a uno studio appena pubblicato su Frontiers of Biogeography, è qui che vive la più alta concentrazione di specie di mammiferi uniche al mondo.

Solo qui. Delle 56 specie di mammiferi non volanti che popolano Luzon, 52 sono endemiche: in pratica il 93% dei mammiferi conosciuti sull'isola (esclusi i pipistrelli) vive esclusivamente in quel luogo. Lo ha accertato una ricerca del Field Museum di Chicago condotta in collaborazione con scienziati filippini, iniziata nel 2000, che evidenzia anche i motivi di questa esplosione di biodiversità.

Un topo arboricolo dai lunghissimi baffi, che non si trova in nessun altro luogo al mondo. © Larry Heaney, The Field Museum

Senza contatti. Luzon non è mai stata collegata alla terraferma, come le isole Hawaii, e ciò ha permesso alle specie giunte qui dal continente asiatico di evolversi e diversificarsi notevolmente (anche perché l'isola, con una superficie di 105 mila km quadrati, è molto più grande e almeno 5 volte più antica delle più antiche isole hawaiane).

Frazionata. Inoltre, è un territorio montuoso, con barriere naturali che creano "isole nell'isola", piccole tasche di biodiversità con habitat molto differenziati che imprimono alle specie pressioni evolutive ancora più stringenti.

Nuove conoscenze. Non a caso tra le 56 specie analizzate, 28 sono state scoperte per la prima volta nel corso dello studio. Tra queste, troviamo quattro specie di topi arboricoli con vibrisse lunghe fino alle caviglie, e altre cinque specie di topi simili a scoiattoli che si nutrono principalmente di lombrichi.

19 luglio 2016 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us