Ecologia

L’inquinamento cinese fa bene all’effetto serra

Le emissioni di zolfo fanno da climatizzatore.

La notizia è sbalorditiva: gli impianti a carbone della Cina, finora ritenuti responsabili dell’aumento dei livelli di inquinamento, impediscono alla Terra di finire ricoperta dalle acque.

“Sorprendente studio sulle emissioni di zolfo: funzionano come un climatizzatore”

Studio scientifico - La notizia eclatante è lanciata da un nuovo e sorprendente studio: le emissioni di zolfo degli impianti energetici in Cina stanno boccando i raggi solari, producendo un effetto di raffreddamento nell’atmosfera, che contrasta l’effetto serra e il conseguente riscaldamento del Pianeta.

Badilate di carbone – Gli impianti energetici cinesi che inquinano bruciando carbone producono emissioni di zolfo, il cui impatto, combinato con il corrente stadio freddo dei cicli solari e con alcuni cambiamenti climatici, come El Nino e La Nina, nel Sud Atlantico, stanno contribuendo, come un climatizzatore, a mantenere basse le temperature terrestri.

Anche al contrario - Se ciò corrisponde al vero, un cambiamento nei cicli solari e una contemporanea ed ecologica riduzione delle emissioni di zolfo degli impianti cinesi, potrebbe avere l’effetto opposto e causare un innalzamento delle temperature.

Non a lungo termine - La riduzione delle emissioni di zolfo per il riscaldamento globale a causa delle emissioni di CO2 è noto, afferma il Professor Piers Forster dell’Università di Leeds, aggiungendo che: “è importante segnalare che tali fenomeni hanno però vita breve e che l’aumento di CO2 causato dagli stessi impianti rimane nell’atmosfera per molti decenni ed è causa del riscaldamento a lungo termine". (pp)

Niccolò Fantini

6 luglio 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us