Ecologia

Legambiente sfida la Leopolda: "Servono scelte concrete per il futuro"

Roma, 11 dic. - (AdnKronos) - "L'idea di cambiamento e di modernità non può essere legato alle trivellazioni petrolifere, alle grandi opere inutili o agli inceneritori e alle fonti fossili; le sfide del futuro richiedono ben altro approccio". Con queste parole Legambiente apre oggi a Milano, nella sede dell'ex Ansaldo, la tre giorni del suo X Congresso Nazionale “L'era del cambiamento”. E lo fa rivolgendosi, anche, alla Leopolda, l’incontro politico promosso dal premier Matteo Renzi, che si svolge in contemporanea a Firenze.

Una sfida e una provocazione quella che l'associazione ambientalista lancia al governo. Secondo Legambiente, oggi più che mai è evidente, l’urgenza di abbandonare la deriva petrolifera e investire in una strategia per le rinnovabili e l'efficienza, di puntare sulle vere opere utili per il Paese come la messa in sicurezza del territorio, di riconvertire l’industria attraverso l’innovazione e le bonifiche, di investire sulle infrastrutture ferroviarie necessarie e al servizio delle esigenze e dei diritti dei pendolari.

Secondo Legambiente, per far crescere l’Italia servono fatti concreti e ricette diverse da quelle finora avviate e per questo chiede a Renzi e alla Leopolda quali soluzioni abbiano realmente in mente per l’Italia di oggi e di domani. Per l’associazione ambientalista, le leve del cambiamento per il futuro del Paese sono l’economia civile e il volontariato, le energie rinnovabili a vantaggio dei cittadini, un’agricoltura moderna che valorizza la qualità e la sostenibilità, la prevenzione, il riuso e la raccolta differenziata che alimentano l’economia circolare, la legalità che si oppone al degrado ambientale, come previsto dalla nuova legge sugli ecoreati.

E’ decisivo, inoltre, ripartire da una cultura dell’accoglienza e dal Mediterraneo, che rappresenta uno dei campi fondamentali in cui operare per tenere insieme la battaglia per il clima e quella contro la povertà. E proprio questi sono i temi che si affrontano nella tre giorni del congresso di Legambiente. Un appuntamento al quale partecipano oltre 900 delegati provenienti da tutta Italia e tantissimi ospiti (rappresentanti di associazioni del mondo ambientalista, del volontariato, del turismo, ma anche della cultura, della green society, degli enti locali, dell'imprenditoria e della politica) che si articolerà in momenti diversi, tra piazze tematiche e tavole rotonde, senza perdere di vista la chiusura della Conferenza sul clima.

Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente, nella sua relazione ha poi riassunto i temi, gli obiettivi, le sfide e i cambiamenti dell'associazione ambientalista. “Nel 2008 ci siamo inventati 'In Marcia per il Clima', abbiamo lanciato una coalizione con poco più di 50 associazioni aderenti, abbiamo organizzato una manifestazione di piazza contro i cambiamenti climatici ed eravamo quasi solo noi".

"Nel 2015 - aggiunge il presidente di Legambiente - abbiamo ricostruito una coalizione per il clima, che conta oggi più di 150 sigle, e il 29 novembre a Roma, e in più di 100 località in Italia, abbiamo partecipato alla Global March organizzata alla viglia della COP21, con una grande manifestazione popolare, con 20.000 persone in piazza, che è stata anche la prima grande mobilitazione di un nuovo movimento pacifista”.

“Queste immagini ci dicono che il movimento ambientalista non può più essere d’élite - ha proseguito Cogliati Dezza - ma può e deve essere un movimento popolare, che rigeneri la partecipazione sociale e le culture progressiste del secolo passato”. Il presidente di Legambiente ha poi individuato le battaglie e le principale iniziative che impegneranno l’associazione, a cominciare dalla lotta contro il fossile che passa per i referendum contro le trivellazioni, e quella contro le grandi opere inutili.

Ma anche il consolidamento della rete degli ambasciatori del territorio, la campagna europea contro il consumo di suolo, seguendo con attenzione l’iter della legge sul consumo di suolo in discussione in Parlamento, e la campagna per raggiungere il 20% di biologico nel 2020.

Si dovrà inoltre aprire un fronte nuovo nelle città, in termini di riqualificazione energetica e di rigenerazione degli spazi, di mobilità e di ripresa delle relazioni di vicinato, e misurarsi sulla grande occasione educativa che offre il servizio civile obbligatorio, con particolare attenzione alla messa in sicurezza del territorio. Infine, il riconoscimento del diritto di voto alle amministrative per gli stranieri residenti da più di 5 anni come primo passo verso lo ius soli.

11 dicembre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us